MotoGP™ Basics

Torna all'indice

Indumenti

Gli indumenti di gara sono la prima linea di difesa per i piloti MotoGP™ quando sono coinvolti in incidenti o scivolate. Con una velocità di entrata in curva mai così elevata e gli angoli minimi, aumentano i pericoli di cadute cosi che l’importanza delle tute non può essere sottovalutata.

Il modo più comune con cui i piloti cadono dalle loro moto è la perdita di controllo della gomma anteriore o di quella posteriore quando si trovano in curva. Quando succede, il risultato è che il pilota scivola sull’asfalto o sulla ghiaia delle vie di fuga, molto spesso ad altissime velocità. Facendo questo con vestiti normali o inadeguati, il rischio di farsi male sarebbe elevatissimo.

PROTEZIONI

I vari produttori delle protezioni per i piloti MotoGP™ disegnano i loro indumenti proprio in funzione della sicurezza, senza dimenticarsi di altre variabili quali aerodinamica, traspirazione, comodità, flessibilità e impermeabilità.

Le tute della MotoGP™ sono principalmente di pelle di canguro, che è più resistente, più flessibile e meno pesante delle altre pelli.

Ovviamente tali tute devono lavorare in simbiosi con il casco, per stabilizzare la testa e devono proteggere in maniera rigorosa la colonna vertebrale: ciò di solito avviene con protezioni ulteriori in carbonio, kevlar o titanio.

Il peso complessivo di una tuta varia chiaramente anche in base alla costituzione fisica del pilota, ma generalmente si aggira su un totale di 3 - 3,5 kg.

STIVALI, GUANTI E GINOCCHIERE

I produttori di tute generalmente forniscono ai piloti anche tutti gli altri accessori, caschi esclusi, essenziali per la sicurezza.

Fornire stivali robusti ma flessibili ed ultra leggeri assicura un peso minore per il pilota e una maggiore sicurezza in caso di caduta o incidente.

Allo stesso modo, i guanti devono essere abbastanza leggeri da non alterare la sensazione con il manubrio, con rinforzi in corrispondenza dei punti in cui vi è maggior rischio di abrasione o rottura - per esempio pollice, polso e palmo.

I piloti indossano protezioni per le ginocchia separate dal resto della loro tuta perché è molto probabile che in curva tocchino l'asfalto. Per questa ragione è probabile che questa parte debba essere sostituita con regolarità, arrivando fino a 100 paia per stagione per quanto riguarda la MotoGP™.

Sono preparati con materiali termoplastici.

Mantelline di plastica per la protezione dalla pioggia possono essere indossate dai piloti per evitare che la pelle delle tute assorba acqua diventando fradicia, raddoppiando il peso e divenendo un ostacolo.

SISTEMA DI RAFFREDAMENTO

Le tute possono anche essere munite di sistema di raffredamento, per mantenere la temperatura interna sopportabile sui circuiti dove fa molto caldo. Nella parte posteriore della tuta è anche possibile situare bibite collegate con il casco perché il pilota possa idratarsi durante la gara.

Le tute sono di solito munite di sistemi di acquisizione dati, che passano direttamente ai tecnici che analizzano gli effetti fisiologici che i piloti provano durante il tempo trascorso in sella alla propria moto, sia in prova che in gara.

Utilizzando una serie di 'toppe' poste sulla tuta o direttamente sulla pelle, i sensori possono raccogliere informazioni per l'analisi dei punti di pressione, i carichi gravitazionali, le pulsazioni del pilota e la temperatura corporea.

COLORI & DESIGN

Infine, come del resto succede per i caschi, i colori e il design fanno da padrone sulle tute, insieme ai loghi degli sponsor e alla livrea del team.

Pubblicità