Rea guarda avanti dopo Le Mans

Moto2™, powered by
venerdì, 25 maggio 2012

Il pilota del Federal Oil Gresini Moto2 vuole ritrovare il sorriso a Montmeló dopo lo sfortunato e frustrante fine settimana del Monster Energy Grand Prix de France.

Il cambio da Moriwaki a Suter, la pioggia, e una gara che poteva trasformarsi in un ottimo risultato per Gino Rea, all’esordio sul tracciato francese. La sfortuna e un tocco con Johann Zarco hanno però fermato la rincorsa ai primi punti importanti per il pilota inglese che ora proverà a rifarsi a Montmeló.

Caduta a parte, cosa pensi del tuo fine settimana di Le Mans?

“È stata dura con il cambio di telaio e senza aver mai corso a Le Mans. Iniziavamo da zero praticamente. Credo che avessimo più ritmo in gara che in qualifica, ma abbiamo faticato nella scelta delle gomme. La moto lavorava bene in gara e con l’acqua e ho potuto essere molto aggressivo nei primi giri. In settima posizione non ero messo male e pensavo che avrei anche potuto recuperare qualche altra posizione...poi è arrivato Zarco”.

Pensi che la mossa di Zarco doveva essere punita?

“Dalle telecamere sembra un semplice incidente di gara e sembra che io lo abbia visto arrivare, ma non è così. Ero già all’interno della curva quando è arrivato e mi ha spinto a terra colpendomi sull’anteriore. Non c’era nulla che potessi fare ed è normale che mi sia arrabbiato. Se Zarco avesse terminato la gara ci sarebbero state ripercussioni”.

Qualche conseguenza dopo la caduta?

“Sono ancora un po’ intontito, ma fortunatamente nulla di serio”.

Dopo la prova di Le Mans, speri nella pioggia anche a Montmeló?

“Preferirei l’asciutto, solo per lo sviluppo della moto. Siamo l’unico team con Suter e sospensioni Shoawa, quindi la nostra sfida maggiore è quella di far lavorare queste due componenti in armonia. Ma se piove, so che possiamo essere davanti”.

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
MotoGP VIP VILLAGE™