Il Repsol Honda Team pronto per il Mugello

mercoledì, 11 luglio 2012

Questo fine settimana la MotoGP fa tappa al Mugello per il nono appuntamento del Campionato del Mondo 2012. Il Gran Premio d’Italia, terza gara consecutiva dopo Assen e Sachsenring, rappresenta anche il giro di boa della stagione.

I piloti Repsol Honda non vedono l’ora di correre su uno dei circuiti più amati del Mondiale per la bellezza del tracciato e la calda accoglienza degli spettatori. Dopo il duello serrato e il ritmo elevatissimo sostenuto al Sachsenring, Dani spera di mantenere l’ottimo stato di forma, forte della conquista della prima vittoria stagionale, mentre Casey è determinato ad archiviare la caduta e a lottare per un bel risultato.

La Honda RC213V ha dimostrato un grande potenziale nelle ultime due gare, che hanno visto Dani e Casey sul primo gradino del podio in entrambe le occasioni (lo spagnolo in Germania e l’australiano in Olanda). I piloti Repsol Honda sono fiduciosi di essere competitivi anche al Mugello, una pista che combina un lungo rettilineo di 1,141 km a veloci cambi di direzione. Entrambi contano di sfruttare al meglio la potenza del motore Honda su questo circuito che vanta la più alta velocità di punta di tutto il calendario.

Dani, attualmente secondo in Campionato a 14 lunghezze da Lorenzo, detiene il record di massima velocità al Mugello con 349,3 Km/h (2009), mentre è di Casey, terzo nella classifica generale a 6 punti da Dani, il giro più veloce, firmato lo scorso anno con un crono di 1'48.034, che gli valse la pole position. Sul circuito del Mugello Dani vanta 6 podi e due vittorie (nel 2010 in MotoGP e nel 2005 in 250cc), Casey è salito 4 volte sul podio e ha vinto in MotoGP nel 2009.

Dani Pedrosa

“Non vedo l’ora di correre al Mugello e voglio cercare di mantenere questo stato di forma in un circuito che mi piace molto per il suo tracciato e la bella atmosfera. E’ un circuito molto impegnativo dal punto di vista fisico, lo scorso anno ero debole, al rientro dall’operazione alla spalla, e non riuscii a fare una bella gara, mentre avevo vinto nel 2010. Adesso mi sento bene e non vedo l’ora di correre sulla pista toscana. Il Mugello è un tracciato completamente diverso dal Sachsenring, è importante avere una moto molto rapida per affrontare al meglio i curvoni veloci e, per sfruttare al meglio i nostri punti forti, dobbiamo approfittare della potenza del nostro motore Honda. La vittoria al Sachsenring, la prima quest’anno, è stata una grande soddisfazione per me e la squadra. A livello di punti siamo più vicini nel Campionato, ma una sola vittoria non basta per aggiudicarsi il titolo. Sono rimasto calmo e concentrato quando andavamo a podio, mancando la vittoria, non ci rilasseremo adesso perché ne abbiamo conquistata una. Per vincere quest’anno devi essere quasi perfetto in ogni gara, così continueremo a lavorare sodo”.

Casey Stoner

“Mi è sempre piaciuto correre al Mugello, una pista sulla quale abbiamo ottenuto dei buoni risultati. Lo scorso anno non andò come avevamo pensato, ma sappiamo cosa abbiamo sbagliato e questa volta speriamo di essere più competitivi. Mi piace molto il Mugello per i suoi curvoni veloci, i tanti rapidi cambi di direzione e le zone dove si derapa molto. Non è uno di quei piccoli tracciati dove non si può sfruttare la potenza delle nostre moto, qui si può davvero aprire del tutto la manopola del gas! Dopo la delusione del Sachsenring, non vedo l’ora di tornare in pista e guadagnare punti importanti per il Campionato”.

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
MotoGP VIP VILLAGE™