Catalunya quinta tappa MotoGP

preview catalunya GP motogp
lunedì, 28 maggio 2012

Il circuito di Montmeló sarà lo scenario del propssimo appuntamento della classe regina. Tutti all’inseguimento di Jorge Lorenzo, attualmente leader del mondiale con 90 punti.

Torna il Campionato del Mondo MotoGP e il teatro di questo fine settimana sarà uno dei tracciati storici delle due ruote. Lo charm di Barcellona e la tradizione di Montmeló attendono i piloti della classe regina per il quinto appuntamento stagionale. Con appena quattro piloti ad aver assaggiato il podio fino ad ora, il Campionato sembra già argomento per pochi, se non addirittura per due: Jorge Lorenzo (Yamaha Factory) e Casey Stoner (Repsol Honda).

Sia lo spagnolo che l’australiano quest’anno non sono mai scesi dal podio ed entrambi vantano due vittorie. Il Gran Premio Aperol de Catalunya potrebbe dare un vantaggio importante a chi dei due dovesse aggiudicarsi i 25 punti in palio, anche se Lorenzo manterrebbe la leadership anche una seconda piazza. Il tracciato spagnolo si adatta perfettamente al numero 1 che qui ha vinto sia con Ducati nel 2007 che con Honda nel 2011 e dove non è mai sceso dal podio, annata d’esordio esclusa. Per Lorenzo una vittoria e due secondi posti sono un biglietto da visita sufficiente.

Montmeló è il circuito casalingo di Dani Pedrosa (Repsol Honda), attualmente terzo nel mondiale con 25 punti da recuperare sul connazionale numero 99 e 18 sul compagno di squadra australiano. La voglia del catalano sarà sicuramente una grande motivazione considerando che qui, lo scorso anno, non corse a causa dell’incidente rimediato a Le Mans dopo uno scontro con il compianto Marco Simoncelli. Se Catalunya potrebbe essere la possibilità perfetta per rientrare nella corsa per il titolo, è anche vero che tra le curve amiche Pedrosa non ha mai brillato eccessivamente con appena una vittoria nel "lontano" 2008.

Il quarto posto mondiale è, per il momento, una sfida a tre: i due piloti del Monster Yamaha Tech3 Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso, divisi da un punto, devono guardarsi dal prepotente ritorno di Valentino Rossi che sul bagnato di Le Mans ha trovato uno storico secondo posto e ora spera di potersi ripetere anche sull’asciutto. Se le M1 dell’inglese e dell’italiano hanno già dimostrato di poter essere competitive in ogni condizione è altrettanto vero che la scorsa settimana il team Ducati ha potuto sfruttare una tre giorni di test al Mugello dove Rossi e Hayden hanno continuato lo sviluppo della Desmosedici GP12 che poco a poco sembra vedere la luce in fondo al tunnel.

Proprio l’americano numero 69, attualmente nono in generale, spera di fare il salto di qualità e ritrovare risultati più consoni al suo status di ex Campione del Mondo. Davanti a lui in classifica ci sono entrambi i piloti considerati il futuro della classe regina: Stefan Bradl (LCR Honda) e Alvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini). Se il tedesco ha stupito per costanza e risultati, soprattutto in Francia con il 5º posto, lo spagnolo potrebbe non essere così soddisfatto di quanto fatto fino ad ora e la gara di casa, dove vanta fino ad ora il miglior risultato in carriera in MotoGP (5º), l’occasione perfetta per tornare in auge.

In fondo al gruppo dei piloti "ufficiali" troviamo un deludente Ben Spies. L’americano è apparso in grande difficoltà, e non solo nelle condizioni difficili di Le Mans...In Yamaha si continua a lavorare per metterlo in condizione di fare meglio e a Barcellona "Elbows" spera almeno di bissare il risultato della scorsa stagione quando fu terzo.

In CRT il paddock accoglie il ritorno di Colin Edwards (NGM Mobile Forward Racing) dopo la frattura alla clavicola che lo ha tenuto lontano da Le Mans. In classifica sono tutti all’inseguimento di Aleix Espargaró (Power Electronics Aspar) che fino ad ora si è dimostrato il più continuo. È innegabile che le ART siano fino ad ora le migliori moto di questa categoria visto che tutti i 4 prototipi occupano le posizioni di testa con Mattia Pasini (Speed Master), Randy de Puniet (Power Electronics Aspar) e James Ellison (Paul Bird motorsport) alle spalle proprio del catalano numero 41. Completano il gruppo gli italiani Danilo Petrucci (Came Iodaracing) e Michele Pirro (San Carlo Honda Gresini) e il duo dell’ Avintia Racing MotoGP Yonny Hernandez e Ivan Silva.

Ancora senza punti e con ben tre ritiri su quattro GP disputati, Karel Abraham (Cardion AB) è attualmente il fanalino di coda del Campionato del Mondo MotoGP 2012.

TAGS Catalunya

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™