Jarvis spiega le mosse di Yamaha nel 2014

Lin Jarvis interview
sabato, 1 giugno 2013

Motori in leasing, team interessati, organizzazione e produzione. Ecco l’intervista al managing director di Yamaha sul prossimo futuro della casa di Iwata nel Campionato del Mondo MotoGP™.

 

 

Dall’inizio del 2014, Yamaha offrirà motori in leasing a quattro entry, ad un costo complessivo di 800 mila euro a stagione. “Potrebbero essere due team con due piloti, un team con due piloti e due team con un solo pilota, o quattro team,” dice Jarvis a motogp.com. “Preferiremmo avere due team con due piloti, per facilità di lavoro e organizzazione. La ragione per cui abbiamo deciso per il leasing (e non per la vendita) sta nel fatto che abbiamo messo la nostra ultima tecnologia in questi motori e non vogliamo condividere le nostre conoscenze. Alla fine dell’anno potremo così riprenderci i motori”.

“Insieme Yamaha e Dorna decideremo quali saranno i team selezionati. Il team dovrà procurarsi un telaio con le case costruttrici, ma queste, per poter produrre il telaio, dovranno sapere cosa fornirà Yamaha. Abbiamo già discusso con Kalex, FTR e Suter, sono tre compagnie al massimo livello e sono convinto che potranno costruire telai molto competitivi”.

Jarvis è poi entrato nei dettagli del regolamento del prossimo anno, analizzando le reali differenze tra team ufficiali e privati: “La differenza starà nel software che utilizzeremo,” ha continuato Jarvis. “Con l’accordo per il prossimo anno, tutti utilizzeranno la ECU di Magneti Marelli (hardware). La differenza per i team della MSMA è che potremo modificare il software correndo però con 20 litri di carburante, una penalità in piena regola. Le  CRT, che utilizzeranno lo stesso hardware, saranno obbligate ad utilizzare anche il software di Magneti Marelli, ma potranno disporre di 24 litri. Sarà un anno davvero interessante”.

Ancora nessun nome sui team interessati, ma già un programma stabilito per richieste e consegne… “Abbiamo già parlato con vari team. La deadline sarà alla fine di giugno quando dovranno confermarci le loro decisioni perché possa iniziare la produzione dei motori che dovranno essere pronti per i test di fine stagione. Le prossime 5 settimane saranno cruciali”.

TAGS Italy

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™