Progressi per Dovizioso e Hayden nelle libere di Qatar

venerdì, 5 aprile 2013


 
Un notevole passo in avanti è stato compiuto stasera dai piloti del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Nicky Hayden, nelle due sessioni di prove libere sul tracciato di Losail in Qatar.

Il quinto posto per il forlivese, e l’ottavo per l’americano, sono davvero due buoni risultati in vista del nuovo format di qualifiche MotoGP, che sarà utilizzato per la prima volta domani sera. In pratica un posto tra i primi dieci dopo i tre turni di prove libere garantisce il pilota accesso automatico al secondo turno di qualifiche, una sessione ‘sprint’ di quindici minuti per i top-12, e valida per la griglia di partenza.
 
Dovizioso e Hayden hanno affrontato con determinazione le difficili condizioni di oggi, con vento e pista sabbiosa; quando mancavano otto minuti dalla conclusione della sessione, l’italiano è salito in terza posizione, ma alla fine si è dovuto accontentare del quinto posto, a un millesimo dal tempo di Rossi e a soli 3 decimi dal miglior tempo fatto segnare da Marquez. Il miglior giro di Hayden l’ha proiettato invece all'ottavo posto, a 586 millesimi dal giovane pilota spagnolo.
 
Andrea Dovizioso - Ducati Team, 5° (1:56.417)
“Sono molto contento della mia posizione, ma mi rende felice soprattutto il distacco dal primo. La quinta posizione è molto buona, ma tre decimi di distacco sono veramente pochi. Non mi aspettavo di essere così vicino perché fino a questo turno non avevamo dei parametri veritieri. Oggi infatti c’è stata la prima situazione di confronto con la gomma morbida e possiamo dire di essere abbastanza vicini agli altri con la gomma nuova. Dobbiamo ancora provare in configurazione gara e domani decideremo quale gomma usare per la gara.”
 
Nicky Hayden - Ducati Team, 8° (1:56.670)
“Stasera non sono stati certamente dei turni facili a causa delle condizioni insidiose. Nel secondo turno di prove libere il vento è stato davvero forte, c’era molta sabbia in pista, ma quando le condizioni sono migliorate per il terzo turno ho potuto forzare di più. Ho affrontato la sessione come se fosse un turno di qualifica, perché era importante entrare nei primi dieci e passare direttamente al secondo turno di domani, decisivo per la griglia. La mia posizione non è interamente soddisfacente, ma il distacco dai primi è abbastanza contenuto. Dobbiamo rendere la moto più stabile e migliorare l’ingresso in curva, ma stiamo lavorando bene e quindi spero di poter fare bene domani.”

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
MotoGP VIP VILLAGE™