Corsi primo degli italiani a Losail

Moto2™, powered by
mercoledì, 10 aprile 2013

Si è chiusa sotto i riflettori di Doha la decima edizione del Gran Premio del Qatar dove i piloti NGM Mobile Forward Racing hanno raccolto i primi punti della stagione.

Simone Corsi e Alex De Angelis sono entrati nella zona punti in sella alle loro SpeedUp chiudendo rispettivamente settimo e ottavo.

Peccato per Mattia Pasini e Ricky Cardùs che non hanno concluso la gara a causa di un contatto con Mike Di Meglio, il primo e di un high side, il secondo. Dopo accertamenti radiografici presso la Clinica del Circuito, con l’assistenza dell’equipe medica della Clinica Mobile, è stato possibile escludere fratture per il pilota spagnolo.

Simone Corsi

“Meritavamo il quarto posto dopo tutta la gara a ridosso dei primi. Siamo partiti abbastanza bene e abbiamo recuperato diverse posizioni al via, ma i primi tre erano imprendibili, avevano un altro passo. Il quarto posto era nelle nostre possibilità ed era importante anche in vista dei punti per il campionato. Durante il weekend ho avuto un problema all’avambraccio che si è acutizzato durante gli ultimi giri e non ho potuto spingere al massimo. Il feeling con la moto è buono per Austin, un circuito nuovo per tutti”.

Alex De Angelis

“Per essere la prima gara è un buon piazzamento. Ho fatto un po’ fatica con il pieno di benzina i primi giri e ho perso subito qualche posizione. Ho insistito per rimanere attaccato al gruppo e quando gli altri hanno avuto qualche problema con l’usura delle gomme noi abbiamo iniziato ad attaccare. Sono tornato alla carica per riprendere il gruppo dei primi e mi sarei potuto giocare la volata. Il mio ultimo giro è stato uno dei più veloci. Ora abbiamo dei dati su cui lavorare, ma di sicuro non ci accontentiamo”.

Mattia Pasini

“Il weekend è stato un po’ sfortunato, sotto le aspettative, ma dobbiamo guardare avanti e pensare alla prossima gara. Dobbiamo cercare di piazzarci meglio in qualifica. Siamo una squadra molto unita e ringrazio i ragazzi per il lavoro di questi giorni. Dobbiamo tenere duro e guardare a Austin”.

Ricky Cardùs

“Prima di cadere stavo tenendo un buon passo e stavo girando davvero molto veloce. Potevo fare un buon risultato, ma ho commesso un errore e sono caduto. In questo momento sono dolorante per la botta, ma i medici hanno escluso fratture”.

Dr. Michele Zasa – Clinica Mobile

“Cardùs ha riferito di aver fatto un highside. Cadendo ha subito una contusione alla caviglia sinistra e al tratto lombare della colonna vertebrale. Gli accertamenti radiografici non hanno rilevato nessuna frattura e si rimetterà nei prossimi giorni”.

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™