Abraham riacquista la fiducia dopo l'infortunio

giovedì, 3 aprile 2014

Il pilota ceco del team Cardion AB Motoracing ha parlato con motogp.com del suo ritorno alle corse in Qatar, dopo l’infortunio che ha influenzato la stagione 2013 a partire da Misano.

Karel Abraham ha avuto una stagione difficile lo scorso anno, perdendosi molte gare dopo essersi rotto prima la clavicola destra ad Austin e poi danneggiando la spalla sinistra in un violento highside a Indianapolis.

Ha guidato uagualmente contro la soglia del dolore nel sua gara di casa  a Brno e senza finire purtroppo quella che è stata la sua ultima gara della stagione a Misano, per sottoporsi infine all’intervento chirurgico di ricostruzione della spalla nel mese di ottobre.

Sono così passati mesi ed estenuanti sessioni di riabilitazione per recuperare il normale movimento e la forza nella spalla, prima di tagliare il traguardo del Qatar in 13ª posizione, un risultato notevole per Karel come inizio della stagione 2014.

"La spalla sta migliorando e stiamo lavorando molto a riguardo, ma sono un pó preoccupato per la prossima gara di Austin," sua vecchia conoscenza. "In Qatar la pista è piú scorrevole, senza troppe curve strette, neanche molte a sinistra, nè punti di frenata bruschi, mentre Austin è tutto il contrario, non sarà per niente facile."

Il ritiro di Ben Spies lo scorso anno a seguit di un infortunio analogo poteva far temere per la sua carriera, ma Karel Abraham risponde: "Sì, sono stato preoccupato a lungo e onestamente lo sono ancora. So che comunque che si tratta di lesioni diverse da quelle di Spies, anche perchè dopo sono stato in grado di completare una gara."

"Avvertivo molto dolore dopo l’operazione, dopo un mese e mezzo di intenso lavoro pensavo di star meglio. E’ stato invece molto frustrante. Soltanto cinque mesi dopo la situazione ha iniziato a migliorare. Posso fare tutto nella vita di tutti i giorni, anche l’allenamento in motocross non mi crea prioblemi, ma una volta che salto ​​sulla moto MotoGP è diverso."

E poi ha continuato: "Sulla la moto devi spingere sempre al limite e la spalla inizia a far male un bel pó. Sono stato contento di finire la gara in Qatar ed è ormai questione soltanto di limare qualche decimo importante. Ma confido che tra un mese sarò a posto".

A proposito dell’introduzione della categoria 'Open ' e del suo adattamento alla Honda RCV1000R, Abraham ha dichiarato: "Come pilota ti lamenti sempre della potenza o di altri componenti e vuoi sempre la moto migliore. Penso che la nostra moto potrebbe essere più veloce, lo si può vedere soprattutto dagli altri piloti ‘Open’ con pacchetto Yamaha che volano in rettilineo. Sul telaio non mi posso lamentare, perché ci si sente molto meglio di quello che avevo l'anno scorso."

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™