Bautista e Redding analizzano la gara del Sachsenring

Bautista and Redding analyse Sachsenring race
lunedì, 14 luglio 2014

Dopo il Dutch TT di Assen, anche il Gran Premio di Germania disputato oggi sul circuito del Sachsenring è stato condizionato dalle condizioni mutevoli della pista e dal cambio moto previsto dal regolamento ‘flag-to-flag’.

Con la pista già asciutta in alcuni punti prima della partenza, 14 dei 23 piloti sullo schieramento sono rientrati ai box già alla fine del giro di allineamento per passare dalla moto da bagnato a quella da asciutto.
 
Anche i due piloti del Team GO&FUN Honda Gresini si sono così ritrovati a partire dalla corsia dei box: una partenza inconsueta alla fine della quale Alvaro Bautista e Scott Redding si sono ritrovati rispettivamente in 22. e 18. posizione. Lo spagnolo e l’inglese hanno però messo in scena una bella rimonta, con Bautista che ha raccolto la nona posizione superando all’ultimo giro la Ducati di Cal Crutchlow e Scott Redding che a un certo punto ha anche occupato la nona posizione, salvo poi dover subire il ritorno di Pol Espargarò e del compagno di squadra, chiudendo undicesimo sul traguardo.

“La partenza dalla pit lane ha condizionato tutta la nostra gara: siamo entrati in griglia di partenza con la moto da bagnato e nel giro di schieramento ho preferito rimanere dietro agli altri piloti per vedere cosa facevano, perché la pista in alcuni punti era ancora molto bagnata. Quando ho visto che quasi tutti i piloti entravano ai box per cambiare moto sono entrato anche io, ma poi quando ci siamo schierati all’uscita della pit lane non c’era spazio per rimanere davanti e di conseguenza non sono partito bene, rimanendo molto attardato.”

“Ho comunque iniziato a superare vari piloti, anche se su questa pista non è affatto facile, e poi quando ho avuto più spazio ho tenuto un buon ritmo e sono stato costante. Diciamo che mi sono divertito a superare tanti piloti, ma avrei voluto farlo per una posizione migliore… Peccato per la partenza, che come detto ci ha penalizzati molto. Con così tanti piloti che hanno preso il via dalla corsia box credo si sia creata anche una situazione di potenziale pericolo, anche se fortunatamente alla fine non è successo nulla”.

Grazie al piazzamento colto in Germania, Bautista è ora decimo in classifica generale con 50 punti, mentre Scott Redding ha allungato il proprio vantaggio a 4 punti su Nicky Hayden, suo rivale nella personale lotta tra i piloti in sella alla Honda RCV1000R in configurazione Open:

“Oggi mi sono divertito, è stata una gran bella gara! Non pensavo che sarei riuscito a raggiungere gli altri piloti in sella alle Honda Open che erano partiti con le slick, ho solo pensato che avrei dovuto battere Hayden, che come me partiva dalla pit lane. Quando siamo partiti ho iniziato a spingere forte ed ero veloce anche rispetto alle moto in configurazione Factory; ho preso diversi rischi nelle parti bagnate, ma dovevo farlo… Mi sentivo a mio agio e anche quando la gomma morbida è calata sono riuscito a rimanere per qualche giro nel finale con Pol Espargaro e Alvaro. Sono contento perché oggi ho dato tutto quello che avevo”.

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™