65° anniversario della storia dei Grand Prix

Grand Prix racing reaches 65th anniversary
domenica, 15 giugno 2014

Nel weekend del Gran Premi Monster Energy de Catalunyaricorre il 65° anniversario della prima gara (TT dell’Isola di Man del 1949) che si annovera nella classifica del Campionato del Mondo di motociclismo.

L’attuale Campionato del Mondo, il più antico campionato tra gli sport motoristici in tutto il mondo, venne istituito dalla FIM (Fédération Internationale de Motocyclisme) e sta attraversando ora il suo 66° anno.

Le prime gare del TT all'Isola di Man si corsero a partire dal 1907 ma allora non facevano parte di nessun campionato;fino al primo evento ufficialmente riconosciuto nel Campionato del Mondo che si tenne lunedì 13 giugno 1949, con la sfida delle 350cc vinta da pilota britannico Freddie Frith in sella a una Velocette. Le altre categorie a partecipare in quell’occasione furono le classi 250cc e 500cc, evolutesi poi nelle moderne Moto2™ e MotoGP™.

I Costruttori inglesi quali AJS e Norton colsero i primi successi agli albori del Campionato del Mondo, prima che quelli italiani Mondial, Moto Guzzi, Gilera e MV Agusta iniziassero a dominare negli anni ’50, riflettendo la forza dell’industria motociclistica dell’epoca. La MV Agusta in particolarmente conquisto titoli mondiali a ripetizione in tutte le quattro categorie; addirittura nella classe regina 500cc il suo dominio è durato ininterrottamente per benper 17 anni dal 1958 fino al 1974.

Il pilota di maggior successo nel corso degli anni 1949-1976, quando il TT faceva ancora parte delCampionato del Mondo fu Mike Hailwood, che al TT colse ben 12 vittorie, diventando nel 1961 il primo pilota a vincere nelle tre diverse classi (125cc, 250cc e 500cc) nella stessa stagione.

Nel corso deglianni ‘60 anche i Costruttori giapponesi entrarono a far parte del Campionato del mondo: Honda e Yamaha vinsero si affermarono ben presto nelle categorie 125cc e 250cc, mentre la Suzuki spopolò all’inizio nella neonata classe 50cc, introdotta nel 1962.

La fine di quel decennio ha segnato invece l’inizio della leggenda di Giacomo Agostini: il pilota più vincente nella storia del Campionato del Mondo. In quel periodo di norma i piloti gareggiavano in due o tre classi contemporaneamente e proprio Agostini conquistò 10 dei suoi 15 titoli complessivi in cinque stagioni consecutive nelle quali si laureò sempre Campione in 350cc e 500cc.

Dopo una pausa di quasi 12 anni che durava dalla fine del 1970, Honda rientrò nel Campionato del Mondo nel 1983 introducendo una nuova filosofia del V3 500 2 tempi, in luogo degli ormai obsolete e pesanti 4 tempi: fu quella la base della famosa NS500, sulla quale Freddie Spencer conquistò nello stesso anno il titolo mondiale della classe regina.

La stagione agonistica precedente aveva giàa visto l’uscita, dopo 34 di competizioni,  della classe 350cc, lasciando così le quattro classi all’attivo solo 4 classi: 500cc, 250cc, 125cc e 50cc (quest’ultima poi sostituita dalla classe 80cc nel 1984 e abbandonata dopo appena sei stagioni).

Gli anni ‘80 e ‘90 hanno visto le case giapponesi a farla da padrone nella classe regina: Honda, Suzuki e Yamaha hanno dato vita a battaglie epiche tra i piloti statunitensi Eddie Lawson, Randy Mamola, Freddie Spencer, Wayne Rainey e Kevin Schwantz. Intanto, nella classi minori 125cc e 250cc si affermavano invece le case europee come Derbi, Garelli e quindi Aprilia, facendosi onore contro i colossi del Sol Levante.

Alla metà degli anni '90 la classe 500cc è dominata dalla Honda e in particolare dalla leggenda dell’australiano Mick Doohan, che conquistò cinque titoli consecutivi, prima di un grave infortunioche lo costrinseprematuramenteal ritiro nel 1999.

Prima della revisione dei regolamenti che portarono al passaggio alla 990cc a 4 tempi nella classe regina un giovane pilota italiano, Valentino Rossi,conquistò l'ultimo titolo della 500cc nel 2001 in sella a una Honda, dopo aver vinto l’iride della 125cc nel 1997 e della quarto di litro nel 1999, sempre su Aprilia.

Dopo la ri-denominazione del Campionato del Mondo in MotoGP™ nel 2002, e l'introduzione delle moto da 990cc, Rossi ha continuato a vincere altri quattro titoli consecutivi, due con la Honda e altrettanti dopo l’epocale trasferimento ai rivali della Yamaha.

Nella stagione 2007, le nuove regole introducono una limitazione sul numero di pneumatici da utilizzare nelweekend di gara e una riduzione della cilindrata da 990cc a 800cc in MotoGP™: la Ducati (entrata in MotoGP nel 2003) gommata Bridgestone conquista con Casey Stoner il suo primo e unico titolo mondiale. L’anno successivo però, Rossi torna al vertice, prendendosi il suo sesto alloro nella classe regina, con Stoner vice-Campione.

Nel 2009 viene introdotto anche il regime di monogomma, con il colosso Bridgestone nominatofornitore unico per la classe MotoGP™. Rossi dopo una battaglia con il compagno di squadra Jorge Lorenzo, si afferma anche in quella stagione col suo settimo titolo nella classe regina, portandosi a una sola corona dal record di Agostini.

Negli ultimi anni i Gran Premi sono stati ulteriormente modernizzati con l'introduzione delle classi Moto2™ (600cc, 4 tempi) e della Moto3™ (250cc,monocilindriche) in luogo delle precedenti 250 e 125.

Nel 2012 classe regina cresce nuovamente finoa 1000cc e il maiorchino Jorge Lorenzo su Yamaha vince il suo secondo alloro. L'anno scorso il pilota della Repsol Honda Marc Marquez sbalordisce il mondo vincendo il titolo mondiale della classe MotoGP nella sua stagione d’esordio stracciando record a ripetizione, laurenadosi di fatto come il più giovane Campione della storia.

TAGS Catalunya

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
MotoGP VIP VILLAGE™