Nakamoto: ‘I piloti della RCV1000R necessitano di piú tempo’

Nakamoto: ‘RCV1000R riders need more time’
martedì, 11 febbraio 2014

Tutti i piloti che quest’anno competono in sella alla Honda RCV1000R necessitano di piú tempo per prendere confidenza con la nuova moto. Parola di Shuhei Nakamoto, Vicepresidente Esecutivo di HRC, che ha parlato del rendimento dei suoi piloti dopo la fine dei test di Sepang della settimana passata.

Sulla griglia del 2014 sono schierate 4 moto Honda RCV1000R (originalmente denominate 'Production Racer'): due in forza al team Drive M7 Aspar con Nicky Hayden e Hiroshi Aoyama, e altre due affiddate a Scott Redding (GO&FUN Honda Gresini) e Karel Abraham (Cardion AB Motoracing).  

Durante i test di Sepang, il rendimento delle quattro unitá non è stato all’altezza delle aspettative; a tal proposito il Campione del Mondo  2006, Nicky Hayden, ha commentato: "Non possiamo far molto ripetto alla mancanza di potenza, peró conosciamo le nostre lacune in quest’area, sappiamo che dobbiamo provare a migliorarci, anche se in questo momento il morale non è al massimo". 

“Sono d’accordo con Nicky sulla questione della potenza,” ha aggiunto Scott Redding. “Quando seguivo Colin Edwards or Aleix Espargaro (FTR-Yamaha, NGM Mobile Forward Racing), vedevo che uscivano meglio dale curve strette. Non è tanto quindi la Potenza massima, quanto la risposta iniziale. Le Yamaha sono piú fluide ai bassi, ecco perché sembra che vanno piú veloci.”

Rispondendo alle critiche che la prima RCV1000R è stata quella di Hayden, che ha chiuso a 1.9 dalla vetta, Nakamoto ha riassunto: “Il gap è grande, ma ad esser onesti, le Honda non sono facile da guidare. I piloti hanno quindi bisogno di piú tempo per imparare a conoscerle. Crediamo che i piloti siano in grado di raggiungere un livello costante.”

Nakamoto ha sottolineato che la moto riceverá continui aggiornamenti: "Il nostro stile in Honda ci impedisce di abbandonare lo sviluppo, non soltanto per le Factory. Se troviamo una soluzione migliore, subito la forniamo ai team. Talvolta questi sforzi hanno un costo extra, certo non per un semplice pistone".

D’altro canto, il nuovo pacchetto FTR- Yamaha del Forward Racing ha fatto scapore per il quarto posto assoluto conquistato da Aleix Espargaró nel terzo ed ultimo giorno dei test malesi. Successivamente, il fornitore ufficiale di pneumatici Bridgestone ha confermato che le ‘Open’ (tanto la Honda RCV1000R quanto la FTR- Yamaha) correranno con la mórbida postieriore, usate in precedenza  dalle CRT.

TAGS 2014

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™