Aleix Espargarò non molla la presa

venerdì, 21 marzo 2014

Nel secondo turno di libere della classe regina, il pilota spagnolo svetta ancora con la sua Open. Risorge la Ducati al 2° posto con Andrea Dovizioso che chiude davanti a Alvaro Bautista.

Un secondo turno di prove libere molto entusiasmante, caratterizzato da un’uscita spettacolare (fortunatamente senza conseguenze) di Pol Espargarò, subito riscattatosi, e da graditi “ritorni” nelle alte sfere come quello del team Repsol Honda. Suona la carica in vista delle FP3 di questa sera anche la Ducati con Andrea Dovizioso. Quel che non cambia invece è il leader della graduatoria: Aleix Espargarò continua a stupire. Ma vediamo come si èe svolta la sessione.

Si riaccendono i riflettori sul Losail International Circuit per il secondo turno di libere della classe regina.  Passano appena sette minuti e assistiamo al primo colpo di scena: Pol Espargarò perde il controllo della sua M1 e ruzzola malamente nella ghiaia. Per fortuna, il pilota rientra subito ai box fugando tutti i dubbi riguardanti la sua clavicola già danneggiata.

Nel frattempo, suo fratello maggiore Aleix, già leader nella prima serata di ieri, prende subito il comando delle operazioni. Ben presto però lo braccano le Honda satellite di Bautista e Bradl, che finiscono con stringerlo nella loro morsa. Batigas è appena balzato in testa quando Pol Espargarò torna ad esser protagonista, stavolta in positivo.

Appena pochi minuti dopo il suo incidente ed esser rientrato ai box per prendere la seconda moto, Polyccio compie un giro spettacolare conquistando la prima posizione provvisoria e abbattendo il muro dell’ 1:56.  Si rivedono anche le due Yamaha ufficiali di Rossi e Lorenzo, tra le quali però si insinua la gemella satellite di Bradley Smith.

Anche Borgo Panigale risale la china, con Andrea Dovizioso che torna timidamente ad affacciarsi in top ten precedendo il connazionale e compagno di marca  Andrea Iannone. Intanto Aleix e Stefan Bradl si rimettono davanti a Pol. A 20 minuti dalla fine, alza la testa il tandem del Repsol Honda Team, grandi assenti nella prima giornata ieri: Pedrosa e Marquez si mettono negli scarichi della Open del team NGM Forward Racing.

Negli ultimi 5 minuti a disposizione, iniziano a infiammarsi gli animi. Alvaro Bautista prova ad affondare l’assalto al suo connazionale, ma è solo secondo. Pochi istanti dopo, Andrea Dovizioso lo scalza con un ottimo 1:55.320, ad appena 2 decimi e mezzo dalla rivelazione di questo inizio 2014.

Ma Aleix vuole rimarcare la sua superiorità e proprio sotto la bandiera a scacchi riesce a scendere sotto il muro dell’1’55, proprio davanti alla Ducati dell’italiano e alla Honda satellite di Bautista. Le HRC ufficiali restano dietro, ancora più attardate le Yamaha di Rossi e Lorenzo, relegate ai margini della top ten, divise tra loro dall’altra Desmosedici di Iannone.

Guarda i risultati delle FP3 della MotoGP™ da Losail

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™