Masbou firma ad Assen la sua prima Top 5 dell’anno

mercoledì, 2 luglio 2014

Nelle proibitive condizioni di Assen, Alexis Masbou è riuscito a conquistare il 4º posto nella gara e sabato scorso, in cui i favoriti hanno fallito. In questa intervista il pilota francese racconta come ha vissuto questa corsa tanto movimentata.

Dalle libere difficile alla seconda fila nelle qualifiche, ad arrivare alla gara vera e propria, molto rocambolesca: come hai vissuto lo scorso weekedn di gara ad Assen?

Senza dubbi non è stato un fine settimana facile. Ma la garasí, non è stata affatto male. Considerando i risultati ottenuti finora e i punti persi per strada in diverse occasioni, sono molto felice. Probabilmente avrei potuto far meglio, ma ritrovandomi in Top 5 per la prima volta, direi che non è andata male”.

Quando Miguel Oliveira se n’è andato assicurandosi la terza posizione, era impossibile per te seguire il suo ritmo?

Credo avrei potuto seguire Oliveira quando se nè andato all’inizio. Ma a fine gara, la situazione sarebbe stata molto diversa perchè il mio pneumatico si è distrutto molto prima di quel che pensavo. È sempre difficile mantenere un ritmo veloce quando si è in gruppo: quando un pilota è davanti, quelli che seguono possono recuperare terreno sfruttando il gioco delle scie, ma si puó perdere anche tanto tempo se si commettono errori”.

Con i due ‘zero’ rimediati dai due favoriti in classifica, il Campionato adesso è riaperto?

Dovremmo smetterla di pensare a vincere il Campionato. E’ un pressione inutile, che non porta a nulla. L’importante è adare veloci in modo da vincere gare o salire sul podio; dopo qualche gara possiamo tirar le somme e capire se siamo o meno suficientemente competitivi. Quello di cui abbiamo bisogno sono semplicemente dei risultati: salire sul podio significherebbe tranquillizzare tutti e e avere piú serenitá nel box”

Fra 10 giorni arriverá il Gran Premio di Germania, al Sachsenring, dove hai ottenuto il tuo primo podio nel 2012. È un circuito che ti piace particolarmente?

"In realtá, per me si trata della pista piú difficile della stagione. Vado lì nell’ottica di limitare i danni, viste le difficoltá che ho sempre incontrato lì. Rimane un circuito che non mi risulta facile da interpretare e che non si sposa molto col mio stile di guida. Sì , è vero, ho ottenuto un podio lì, vediamo se possiamo raccogliere altri punti preziosi".

Video:

Guarda tutti i video di questo evento

Foto:

Guarda altre notizie

Ultime notizie

  • MotoGP™
  • Moto2™
  • Moto3™
Pubblicità
Paddock Girls MotoGP VIP VILLAGE™