Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi conquista una vittoria epica mentre Biaggi cade a Brno

Rossi conquista una vittoria epica mentre Biaggi cade a Brno

Valentino Rossi conquista la vittoria e anche 29 comodi punti nel Campionato del Mondo con la gara di oggi, il Gran Premio Gauloises della Repubblica Ceca, mentre Biaggi cade rovinosamente a terra al tredicesimo giro quando era al comando della corsa. La gara della 500 si apriva con un velocissimo Kenny Roberts che alla prima curva dopo il via passava al comando per cederlo, tre giri più tardi, a Max Biaggi. Il romano tentava di dare alla gara un ritmo molto elevato e staccava infatti due giri velocissimi, da record. Rossi non perdeva il contatto con il leader e riusciva anche lui a staccare un tempo eccezionale, che si confermava a fine gara come il migliore in assoluto; pochi giri e Rossi aveva la meglio su Roberts e si buttava all´inseguimento di Biaggi. Lo raggiungeva e si sistemava alle sue spalle. Max probabilmente a quel punto soffriva un po´ la pressione di Rossi e al tredicesimo giro commetteva un errore, chiudeva troppo in curva e finiva per scivolare sulla pista. Rossi a quel punto non perdeva la sua concentrazione e otteneva la sua quinta vittoria in Campionato, mentre Biaggi raggiungeva il traguardo solo decimo.

´Sono veramente contento di questa vittoria e credo che in questo modo sia stata fatta giustizia: se io - infatti - non fossi caduto nell´ultimo giro al Mugello oggi avrei un maggiore vantaggio nella classifica mondiale´ - ha detto Rossi a fine gara. - ´E´ una vittoria importante, ma ci sono ancora sei gare da adesso alla fine della stagione ed è fondamentale mantenere alta la concentrazione´.

Alex Criville e Loris Capirossi superando la Yamaha di Abe negli ultimi giri hanno regalato alla Honda un podio intero, grazie - rispettivamente - al secondo e terzo posto. La Suzuki invece esce sconfitta da questa gara dopo il ritiro, a sette giri dalla fine, di Roberts. Stesso destino per Vd Goorbergh, ritirato anche lui con la sua Proton KR3, dopo una bella partenza e una buona sessione di prove sabato, che lo aveva portato in prima fila, in quarta posizione. McCoy si deve accontentare del sesto posto dietro Ukawa, seguito poi da Checa, Gibernau e Barros. Haslam è stato l´unico altro pilota, oltre Biaggi, ad essere caduto in questa gara mentre Stigefelt guadagna il primo punticino mondiale per il team Sabre sport.

Tetsuya Harada ha vinto la sua seconda gara della stagione riducendo così il suo svantaggio da Katoh a 32 punti nella classifica mondiale della 250, mentre Marco Melandri completa l´uno due Aprilia davanti al terzo classificato, appunto Katoh, su Honda. Al via Katoh era più veloce di Harada e si portava davanti a tutti, ma già nel secondo giro il giapponese dell´Aprilia passava in testa e non si guardava mai indietro, fino al traguardo. Jeremy McWilliams cadeva sempre nel secondo giro lasciando Katoh e Melandri a combattere fra loro per tutta la gara, fino a che proprio a pochi metri dalla fine l´italiano superava Katoh e tagliava il traguardo con soli 54 millesimi di vantaggio. Più indietro infuriava la battaglia per il quarto posto che si risolveva a favore di Nieto che guadagnava così il suo miglior risultato di sempre, mentre Rolfo chiudeva quinto davanti a de Puniet e Alzamora.

Toni Elias non faceva prigionieri nella gara delle 125, e conquistava una vittoria schiacciante con un bottino di ben 22 punti sul suo rivale nel campionato del mondo, Manuel Poggiali, caduto senza conseguenze fisiche, al dodicesimo giro. Lo spagnolo ad inizio gara azzeccava una bella partenza e riusciva a restare in testa fino a che non veniva superato in varie fasi della gara da Cecchinello, Sanna, Ui e Jenkner, tutti candidati alla vittoria finale. Pur sapendo che sarebbe passato in testa al mondiale restando comunque nei primi cinque, Elias non si è però, accontentato ed è partito all´attacco. Ha superato prima Cecchinello e poi Jenkner, sistemandosi in seconda posizione, alle spalle di Sanna. Nell´ultimo giro, ancora non pago, superava anche Sanna con una manovra al limite e l´italiano, cercando di contenere l´attacco dello scatenato spagnolo, cadeva malamente regaland

Tags:
500cc, 2001

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›