Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi e Biaggi: una brutta gara per entrambi

Rossi e Biaggi: una brutta gara per entrambi

Hanno fatto, entrambi, la figura dei lottatori che, invece di scontrarsi, continuano a girarsi attorno, senza decidersi mai ad attaccare. Gli è mancato il coraggio, a Valentino Rossi e a Max Biaggi, per fare la scelta giusta, che è sempre quella che consente la vittoria, mai quella che protegge una posizione. E´ vero, però, le condizioni atmosferiche, l´improvvisa pioggia che ha reso l´asfalto di Valencia scivoloso come il fondo di una vasca da bagno, non li ha aiutati, ma il risultato è stato - purtroppo e comunque - una brutta gara, che la coppia che ha dominato finora il mondiale ha terminato ingloriosamente in 10a e 11a posizione, alle spalle di piloti abituati a vedere, di Rossi e Biaggi, sempre e solo la schiena.

Si sono messi a tirare, i due - per quanto era loro permesso dalla diversa gommatura, intermedie per Rossi, intermedie e slick intagliata per Biaggi - solo quando dai propri box hanno cominciato a segnalargli i rispettivi distacchi, mentre Rossi affondava man mano che la pista asciugava ed al contrario Biaggi poteva recuperare. Così, alla fine, si sono ritrovati, come sempre, a lottare uno al fianco dell´altro, ma per le briciole.

´In chiave mondiale ho perso solo un punto. Speravo di meglio, ma sinceramente mi poteva andare molto peggio. Ed ora c´è una gara di meno´, ha poi detto Rossi.

´Un punto guadagnato è niente - ha riconosciuto Biaggi - ma alla fine sono pur sempre andato a prendere chi all´inizio della gara era al comando. Per il morale va bene ma, certo, in campionato non sono messo bene: 42 punti, con ancora solo quattro gare da disputare, sono molti. Le prossime saranno tutte corse in salita´.

Con quattro Gran Premi ancora in calendario - Giappone, Australia, Malesia e Brasile - ed i famosi 42 punti in tasca, il pilota della Honda potrebbe chiudere i giochi prima del limite. Verosimilmente a Sepang, in Malesia. Anche se infatti vincesse a Motegi e Biaggi non prendesse nemmeno un punto, il suo vantaggio teorico - 67 punti, non gli darebbe ancora la certezza matematica di farcela, visto che ci sarebbero ancora 75 punti a disposizione. Per conquistare il titolo, dunque, il pesarese deve avere un vantaggio di 50 punti dopo il GP di Malesia. Allora, anche qualora Biaggi recuperasse nei due successivi appuntamenti, peserebbe il numero di vittorie, sette, finora conquistate da Valentino. Sempre che, naturalmente, il romano non riesca a vincere tutte e quattro le gare restanti, portandosi anche lui a quota sette. Ma in questo caso Rossi non dovrebbe fare più di 58 punti totali, anzi 57. Un po´ pochi per chi, finora, ha viaggiato ad una media di 18.75 punti a gara. Biaggi, dal canto suo, però, è un martello pneumatico: è l´unico pilota della 500, infatti, ad essere sempre andato a punti. Addirittura riuscendoci per ben due volte (a Brno ed all´Estoril) nonostante una scivolata, cosa che gli ha permesso un ruolino di marcia di 15.25 punti a gara.

Nel motociclismo come nella boxe, però, è impossibile azzardare previsioni prima del suono del gong. Anche un avversario all´angolo, infatti, con la forza della disperazione o grazie all´astuzia, può vincere, anche se per riuscirci ha bisogno di quel concentrato di tecnica e fortuna che prende il nome di colpo da KO.

Tags:
500cc, 2001

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›