Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Valentino Rossi, il neo Campione del Mondo della 500, appena terminata la gara parla con motograndprix.com

Valentino Rossi, il neo Campione del Mondo della 500, appena terminata la gara parla con motograndprix.com

I momenti successivi alla fine della gara della 500 al Gran Premio Qantas d´Australia sono stati caratterizzati da un´allegria intensa e contagiosa. Valentino Rossi era appena stato incoronato Campione del Mondo della 500 ed era circondato dai suoi fans, appassionati, amici e giornalisti. Il pilota più carismatico e popolare del motociclismo aveva appena realizzato un´impresa storica. Appena terminata la gara, il pilota italiano ha parlato per motograndprix.com. Queste le sue dichiarazioni dopo la gara.

motograndprix.com: È stata la migliore gara della tua carriera sportiva questa?

Valentino Rossi: È possibile, perchè è stata molto importante e anche molto divertente. È stata fantastica per tutti i piloti perchè abbiamo combattuto intensamente. Mi è piaciuta molto quella di Donington ma forse questa è la migliore.

mgp: Quali sono stati i momenti più importanti della stagione?

VR: Per quanto mi riguarda, il più importante è stato a Brno. Si è trattato di una gara molto difficile. C´era soltanto una differenza di dieci punti fra Max e me, e la stagione era nel suo momento critico. Ero appena tornato dalle 8 Ore di Suzuka e mi sentivo molto stanco. Vincere lì, nella Repubblica Ceca, è stato grandioso e ha rappresentato la vittoria più importante della stagione.

mgp: Quali sensazioni provi adesso rispetto a quelle vissute quando vincesti il Campionato del Mondo della 125 e 250?

mgp: La moto di Rossi porterà il numero 1 sul frontale o continuerà a sfrecciare con il 46?

Voglio mantenere il numero 46, certamente, e devo ammettere che non mi piace il numero 1. È per i fans e la gente che guarda le gare. Io sono il numero 46. In Honda sono d´accordo e adesso chiederò il parere all´organizzazione. Spero che non sia un problema. Barry Sheene lo fece!

mgp: Com´è il rapporto ed il lavoro con Jerry Burgess ed i suoi meccanici, rispetto alle squadre con le quali hai vinto gli altri Campionati Mondiali?

VR: Ho sempre avuto ottime squadre. Con Mauro Noccioli nella 125 mi sentivo come in famiglia perchè sono stato con lui per molto tempo. Con Rossano Brazzi nella 250 il sentimento era impressionante. Mi piace molto e devo affermare di nuovo che è come essere in famiglia. Senza dubbio, c´erano più problemi con Jerry ed i ragazzi della squadra, per la lingua e perchè le cose si facevano in maniera differente. Tuttavia la fiducia con loro adesso è più alta, non soltanto con Jerry ma anche con gli altri, sono fantastici. Sono più riservati rispetto alle squadre italiane, più rilassati, è come un altro stile di vita. Certamente hanno anche una grande esperienza e ciò mi ha aiutato molto negli ultimi due anni.

mgp: Hai detto che ancora non sai se guiderai una 2 Tempi o una 4 Tempi la prossima stagione, ma dopo questa vittoria che cosa si prospetta nel tuo futuro? Sogni ancora di diventare un giorno pilota di rallyes?

VR: Quando ero ragazzino iniziai a correre con i go-karts perchè speravo di diventare un pilota della Formula 1. Successivamente mi resi conto che ero più veloce con le moto e così cambiai specialità (ride). No, non è esattamente la verità. Mi piacciono molto le automobili ma ancora non lo so. Il prossimo anno sarà interessante perchè entreranno in gioco le 4 Tempi e voglio cercare di vincere. Sarà un anno strano e prenderemo una decisione a riguardo quando sarà terminato il campionato.

Tags:
500cc, 2001

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›