Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Jay Vincent contento di tornare a guidare una Honda

Jay Vincent contento di tornare a guidare una Honda

Jay Vincent contento di tornare a guidare una Honda

Jay Vincent: 'Dopo alcune settimane di intense prove, sono di nuovo a casa e finalmente ho avuto il tempo di valutare il lavoro svolto'. Credo che dalla prima prova in Almería fino all'ultima di Estoril, la squadra ha fatto numerosi progressi e sono convinto che per la prima gara della stagione a Suzuka, saremo in grado di correre con i piloti ufficiali.

In Almería avevamo la moto dello scorso anno ma è stato sufficiente per avere il primo contatto con la squadra e per riprendere l'attività dopo la parentesi invernale. A Valencia dato che abbiamo avuto a disposizione il nuovo kit abbiamo iniziato a lavorare sulla messa a punto di base, ma non ci siamo concentrati sui tempi perchè abbiamo preferito effettuare dei rapidi giri. Ad Estoril abbiamo proseguito il lavoro che avevamo lasciato in sospeso e ci siamo avvicinati ai piloti dominanti. Sia Leon che io siamo convinti di poter correre con loro e, con alcune modifiche al motore, possiamo anche batterli perchè il telaio della Honda è eccellente'.

'Ho trascorso molto tempo alla guida delle Honda da quando iniziai a correre nella 250 ottenendo buoni risultati. Per questo motivo, non appena sono tornato a salire su una di esse, mi sono sentito completamente a mio agio. Ha un buon afflusso di potenza e si adatta molto al mio stile di guida. Certamente ci sono ancora molte cose da migliorare ma i meccanici stanno lavorando nelle officine di Barcellona e tutti cerchiamo di dare il massimo per iniziare il campionato nel miglior modo possibile.

La comunicazione fra il pilota e la squadra è uno dei fattori più importanti nei Gran Premi e, considerando che era la prima volta che lavoravo con i componenti della mia squadra, devo ammettere che ero abbastanza preoccupato. Tutti sono spagnoli ed io non conosco una parola di questa lingua, ma fortunatamente, parlano l'inglese così possiamo dialogare e i nostri rapporti sono migliorati a mano a mano che abbiamo svolto le diverse prove. Sono delle ottime persone ma la cosa più importante è che sono molto determinati. Se le cose continueranno in questo modo, credo che ci riusciremo.

Tags:
250cc, 2001

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›