Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Toni Elías affronta l'ultima parte del precampionato con prudenza

Toni Elías affronta l'ultima parte del precampionato con prudenza

Toni Elías affronta l'ultima parte del precampionato con prudenza

Seconda giornata di prove nel Circuito di Catalunya, prima del test IRTA che inizierà domani a Barcellona. A Montmeló, l'atmosfera che si vive nel paddock è simile a quella si respira durante un Gran Premio. Toni Elías, che ha girato ieri per la prima volta nel circuito di Montmeló con l'Aprilia della 250, ha spiegato a motograndprix.com come ha vissuto questo precampionato e come affronterà l'ultima parte delle prove prima dell'inizio della stagione 2002.

"È un classico precampionato di adattamento", ha affermato il pilota della squadra Telefónica Movistar Repsol YPF. "A Jerez, dove ho provato con l'Aprilia, lo scorso dicembre, ho potuto notare le differenze che ci sono tra una moto della 125 e una moto della 250. Inoltre mi sono reso conto quanto sia facile cadere con una moto di questo genere. È stata la mia prima caduta e mi è servita per conoscere i limiti".

Successivamente, nei due tests IRTA che si sono disputati a Valencia e a Estoril, ho occupato posizioni discrete, rispettivamente un 10º e un 7º posto. Ma i tempi non preoccupano troppo Elías, che prima di arrivare a Barcellona ha avuto alcuni problemi nel suo processo di adattamento: "Al test IRTA di Valencia ho sofferte tre cadute. Mi sono fatto male ai polsi. Ad Estoril non ho registrato tempi incredibili, ma ho continuato a lavorare sulla moto. Fin dal primo momento mi sono reso conto che la moto era alquanto rigida e che il comportamento della ruota anteriore non mi esaltava. Abbiamo cercato di migliorare questo aspetto, abbiamo provato tutti i tipi di angoli e posizioni. Dopo Estoril, abbiamo deciso di cambiare il telaio e sembra di aver risolto il problema", ha esordito Elías.

"Ieri ho incominciato a notare che il comportamento della moto era migliore, il nuovo telaio è più facile, permette di derapare più regolarmente, è meno brusco, migliore .. e ti avvisa prima." Non voglio dire le cadute sofferte in questo precampionato si siano verificate a causa di questo motivo. Mi sto facendo le ossa in questa classe e le cadute fanno parte dell'apprendistato. Sono molto contento per come sia andata la giornata di ieri, ma è stata soltanto la prima giornata. Bisogna lavorare sulla messa a punto, il motore può essere migliorato e anch'io devo progredire.

Sempre prudente, il pilota catalano afferma che è troppo presto per parlare di traguardi: "Per adesso, il mio unico obiettivo è concludere nelle prime tre gare, dove spero di imparare molto. Successivamente, con pazienza, spero di migliorare durante la stagione".

Tags:
250cc, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›