Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Carlo Campetella, imprenditore amante delle due ruote, racconta il suo campionato

Carlo Campetella, imprenditore amante delle due ruote, racconta il suo campionato

Carlo Campetella, imprenditore amante delle due ruote, racconta il suo campionato

Le prime due gare della stagione, nonostante siano state disputate in condizioni diverse l´una dall´altra, permettono di individuare piloti che sembrano già aver trovato il proprio ritmo oltre a dei risultati regolari, sia nelle qualifiche, che nelle gare. Tra questi si trovano i due piloti del team Campetella Racing, Randy De Puniet e Alex Debón, che a Suzuka e a Welkom, si sono situati tra i primi dieci nella 250, promettono di poter rivestire il ruolo di antagonisti nel Mondiale.

Carlo Campetella, fondatore della struttura impegnata nel Campionato del Mondo, ha confidato a motograndprix.com il suo punto di vista sul team e sulla stagione 2002: ´Sono molto soddisfatto. Secondo noi le prime due gare si sarebbero rivelate le più insidiose, sia per quanto riguarda le condizioni atmosferiche, sia perché la pista di Suzuka è sempre difficile da affrontare. In realtà i nostri due piloti hanno dimostrato di saper gestire la gara, ed entrambi hanno portato a casa dei punti preziosi. Avevamo avuto occasione di raccogliere i dati necessari durante le prove IRTA del precampionato, e la ´sgrossatura´ era già stata fatta. I piloti si trovano molto bene con le moto, già adattate a loro e il team sembra affiatato e lavora in modo perfetto´.

Interrogato sulle gare future, racconta: ´Sappiamo che nelle gare europee di norma molti piloti riescono a sistemare la loro situazione, e quindi ci aspettiamo di vedere nuovi nomi tra i protagonisti, anche se i dati relativi alla velocità ci rendono sicuri del nostro potenziale. Per quanto riguarda la prossima gara di Jerez, confidiamo sicuramente sia in Debón, che conosce bene il tracciato, che in De Puniet, trattandosi una delle sue piste preferite´.

Quando gli si chiede di azzardare una previsione sul campionato, Campetella risponde titubante, frenato da un sentimento scaramantico: ´Posso assicurare che cercheremo di fare il meglio, anche se tra i nostri obiettivi c´è quello di superare per lo meno i piloti privati´.

Tags:
250cc, 2002, Campetella Racing

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›