Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Olivier Jacque spera in tempi migliori

Olivier Jacque spera in tempi migliori

Olivier Jacque spera in tempi migliori

Dal giorno del suo esordio in questa stagione, Olivier Jacque è sempre riuscito a classificarsi nella seconda fila della griglia, ma la sfortuna e l'impossibilità di utilizzare un prodotto più competitivo gli hanno impedito di emergere in gara. Lo scorso fine settimana, al Mugello, per il francese si è ripetuto lo stesso copione.

La lesione dello scorso anno, in questo stesso periodo, ha fatto sì che si trattasse di un'esperienza nuova per Jacque, in sella alla Yamaha YZR500, ma questo non gli ha impedito di conquistare il sesto posto sulla griglia, il suo miglior piazzamento in qualifica della stagione. `L'anno scorso non ho potuto disputare la gara 500cc su questa pista, quindi ho dovuto imparare le traiettorie e lavorare alla configurazione della moto´, sottolinea il pilota del team Gauloises Tech3. `Non erano grandi cose, ma una volta a posto, sono riuscito a lottare e conquistare il sesto posto´. Evitando che le sue gomme si consumassero troppo, il francese è riuscito a rimontare fino al 9º posto, pedinando da vicino il compatriota Régis Laconi. Tuttavia, la potenza in meno che sviluppa la sua Yamaha 2 Tempi lo ha costretto ad accontentarsi della sua posizione, senza lasciargli un margine per fronteggiare l'Aprilia RS3, una delle moto più veloci, nel lungo rettilineo principale del Mugello. `Alla fine della gara ero dietro a Laconi, ma non ho cercato di superarlo, dal momento che mi avrebbe superato di nuovo nello stesso rettilineo. Considero buona la proposta di Capirossi, che ha suggerito di spostare la linea di arrivo, dal momento che le 2 Tempi soffrono molto in questo tipo di tracciato´, confida Jacque.

Un fine gara che delinea il ruolo di Olivier Jacque in questa stagione: l'impotenza delle tradizionali 2 tempi, contro le nuove 990cc. `Il regolamento attuale è frustrante´, insiste il francese. `Bisogna lasciar passare un anno di transizione e non tutti i piloti hanno i mezzi per poter dimostrare il proprio valore e di correre al proprio livello´.

Jacque non esita a sostenere che `quello che succede adesso (per quanto riguarda i risultati) non è molto importante´. Ciò pero non significa che si arrenda: `La vittoria non è a portata di mano, ma si può sempre cercare di fare una buona gara. Quello che posso fare è essere paziente e sperare di avere una 4 tempi a disposizione il prima possibile´.

Tags:
MotoGP, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›