Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Il telaio è l´asso nella manica della formazione Proton, forse fin dal Gran Premio di casa

Il telaio è l´asso nella manica della formazione Proton, forse fin dal Gran Premio di casa

Il telaio è l´asso nella manica della formazione Proton, forse fin dal Gran Premio di casa

Il team Proton KR questo fine settimana fa tappa a Donington Park, con Jeremy McWilliams e Nobuatsu Aoki che intendono concretizzare gli sprazzi di velocità che hanno sfoderato in pista e ottenere qualche bel risultato. Nelle ultime gare, alcuni problemi meccanici hanno frenato l´impeto del team, che ha sede a Banbury, proprio a due passi dal circuito del Derbyshire, ma non hanno cancellato l´ottimismo della formazione, che conta sull´appoggio del pubblico di casa e sulla conformazione del tracciato, una serie di curve veloci, nelle quali la leggera e scattante Proton KR3 dovrebbe riuscire piuttosto bene.

`Donington è una pista unica nel suo genere e dovremmo fare una buona prestazione,´ rivela Kenny Roberts, il proprietario del team. `Abbiamo i piloti e le gomme e aspetto con ansia il weekend. Nel passato però Donington mi ha riservato delle delusioni. Dobbiamo dimostrare che possiamo veramente essere efficaci, e sarebbe un risultato importate per un gruppo piccolo come il nostro´.

Il team in vista della prova di casa si sta preparando con un impegno mai visto. I due piloti avranno sei moto complete a disposizione, e potranno scegliere di utilizzare un telaio tradizionale o un telaio innovativo dal profilo molto aggressivo, che sarà utilizzato anche per la nuova 4 tempi V5, che scenderà in pista dal prossimo anno. Roberts non sa quale telaio va meglio per Donington, anche se concorda con McWilliams sulla necessità di prendere presto una decisione.

`Il telaio standard va molto bene, ma il nuovo telaio spalanca le porte a nuove possibilità di sviluppo,´ continua Roberts. `Sarà di aiuto quando avremo più potenza da gestire, con il nuovo motore 4 tempi 990cc. La gara di Donington si preannuncia interessante. Tutto dipenderà dal tempo che impiegheremo per trovare la configurazione ottimale. Non è nostra intenzione cambiare telaio ogni cinque giri. Dovremo trovare la strada giusta sull´asciutto e costruire su questa base´.$$$ `Avremo a disposizione diverse soluzioni per lanciare la nostra offensiva,´ aggiunge McWilliams, che nel 2000 arrivò terzo sul circuito inglese, ai comandi dell´Aprilia V-twin. `Il telaio che abbiamo utilizzato finora è andato così bene ad Assen che rende difficile la scelta. Io forse userò quello, e vedrò come reagisce. L´importante è non titubare, prendere presto una decisione e poi concentrarsi su quella, ma assolutamente evitare i ripensamenti del sabato notte. Donington è una gara importante, e il pubblico mette un certo nervosismo. Sto iniziando a gestire meglio queste emozioni, che in alcune occasioni possono farti perdere anche mezzo secondo al giro´.

Tags:
MotoGP, 2002, Cinzano British Grand Prix

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›