Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Max Sabbatani parla della sua ripresa della stagione

Max Sabbatani parla della sua ripresa della stagione

Max Sabbatani parla della sua ripresa della stagione

Domenica, al termine delle gare disputate sul circuito di Sachsenring, il Mondiale è andato ufficialmente in vacanza. Le attività sportive sono sospese per una pausa estiva fino alla gara della Repubblica Ceca, che si disputerà a Brno il 25 agosto, e le persone coinvolte nel Campionato possono godersi qualche settimana di meritato riposo.

In realtà, però, non tutti i piloti possono rilassarsi e pensare alle vacanze, ci sono alcuni militanti delle varie categorie che sono ancora alle prese con lesioni e conseguenze di incidenti, che hanno minato la loro stagione. Tra questi c´è Max Sabbatani, che dopo essersi infortunato al Mugello, non ha ancora recuperato la forma fisica ottimale per affrontare le gare concentrato solo sulla guida.

Motograndprix.com ha parlato con questo pilota forlivese per farsi raccontare le sue impressioni dopo la ripresa del Campionato. ´Devo ammettere che non mi aspettavo grandi risultati in queste prime due gare, è stato un modo di testare il terreno, di vedere come reagiva il mio fisico, se sottoposto alla pressione di due gare vicinissime. La gara in Germania è stata incredibilmente impegnativa. Sono contentissimo di aver completato i 27 giri previsti, ma che fatica! La gamba non fa male, non è il dolore che mi intralcia, ma in realtà è passato ancora troppo poco tempo dall´incidente e non ho riacquistato il tono muscolare che avevo prima. Quindi non ho avuto un momento di tranquillità, concentrato com´ero a cercare di gestire la moto senza le condizioni fisiche ottimali´.

Max sta continuando la riabilitazione e si reca frequentemente presso l´ambulatorio di Claudio Costa, responsabile della Clinica Mobile, che lo ha seguito fin dall´inizio e che ha anche aiutato pilota e team consigliando loro l´utilizzo di un sostegno speciale per la gamba lesionata. Racconta Sabbatani: ´Prima della gara di Donington sembrava che la gamba fosse ancora troppo sottile e il Dott.Costa ha suggerito di lasciare il gesso e di utilizzare uno stivale appositamente costruito. Abbiamo seguito le sue indicazioni e ci siamo fatti costruire dall´Axo uno stivale più grande, in grado di contenere gamba e gesso. Poi però non ce n´è stato bisogno, dal momento che le dimensioni sono aumentate e ho corso indossando l´equipaggiamento normale´.

Se gli si chiede cosa farà nella pausa estiva non sembrano esserci alternative: ´Allenarmi, seguire la riabilitazione e prepararmi per la prossima gara´, questi sono i progetti, sinceramente poco rilassanti, di Sabbatani, intenzionato a superare con successo e nel minor tempo possibile una lesione che all´inizio ci ha fatto veramente preoccupare.

Tags:
125cc, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›