Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La tecnologia MotoGP sotto esame da parte degli esperti in Portogallo

La tecnologia MotoGP sotto esame da parte degli esperti in Portogallo

La tecnologia MotoGP sotto esame da parte degli esperti in Portogallo

Con l´introduzione delle nuove 4 Tempi, concepite in base al nuovo regolamento della categoria della MotoGP, il Campionato del Mondo è balzato al centro dell´attenzione da parte di molti ingegneri ed esperti legati al mondo degli sport motoristici. Lo scorso fine settimana a Estoril, scenario del Gran Premio Marlboro del Portogallo, John Barnard, uno dei disegnatori della Formula 1 più rispettati e prolifici, ha voluto vedere da vicino le ultime innovazioni introdotte nella categoria della MotoGP. Il disegnatore britannico, che ha 56 anni, lavora dagli anni 80 con i più importanti costruttori della F1 ed è responsabile di due innovazioni fondamentali: il monocasco in fibra di carbonio per la McLaren, all´inizio degli anni 80, e il cambio semiautomatico per la Ferrari, introdotta qualche hanno dopo, due soluzioni accettate e attualmente molto utilizzate in altre discipline.

Creativo e dedicato, Barnard non ha potuto seguire le gare MotoGP in molte occasioni, però conosce da molto tempo l´antico Campione del Mondo, attualmente proprietario di un team, Kenny Roberts. `È dall´88 che non assisto a una gara del Mondiale. In quel periodo iniziavo a lavorare per la Ferrari. Kenny mi chiese se potevo costruire per lui un telaio in carbonio. Io gli dissi `Certo che posso´, ma fino ad oggi non abbiamo trovato il tempo per farlo. Quindi mi ha invitato a dare un´occhiata alle moto´.

Dopo aver esaminato le moto che disputano questa stagione, Barnard ha ammesso che si è interessato soprattutto all´Honda RC211V, la moto che ha vinto dieci delle undici gare disputate fino ad oggi. `Ho avuto occasione di esaminarla venerdì sera e molti mi hanno chiesto cosa ne penso. Credo che si tratti sicuramente di un buon lavoro, una moto costruita bene, veloce e con un buon progetto. Per quanto riguarda ulteriori modifiche che possono essere apportate, non vedo cose fondamentali. È un motore nuovo, un V5… e hanno decisamente fatto un buon lavoro, valido: la moto ha tutte le caratteristiche che sono necessarie a un pilota. Nella Formula 1 la potenza massima è l´aspetto più importante. Non si può sacrificare quasi niente per quanto che riguarda la potenza, invece con una moto si può fare. Ci sono elementi del motore importanti quanto la potenza massima´.

Dopo l´introduzione delle 990cc 4 Tempi potrebbe semplificarsi il passaggio di innovazioni tecnologiche tra la Formula 1 e la MotoGP. Barnard tuttavia sottolinea che le necessità delle due discipline rimangono molto specifiche.`Potrebbe essere per alcuni aspetti del motore, ma credo che esiste una situazione nella quale l´Honda dispone de una maggiore potenza da utilizzare. La velocità di punta è molto importante, ma penso che un motore deve essere per prima cosa gestibile, e con un´ottima distribuzione di potenza in qualsiasi regime. Qui si lavora con un carter umido mentre che nella F1 c´è un carter asciutto, inoltre si studia come abbassare il centro di gravità e questo non vale invece per le moto. Ci sono alcune tecnologie nate per la F1 che potrebbero trovare applicazione. Con l´aumento del regime del motore potrebbero arrivare valvole pneumatiche… non so, ma immagino che sono cose che succederanno´.

Barnard, che attualmente lavora nello studio grafico di sua proprietà, B3 Technologies, crede che farsi coinvolgere nel mondo della MotoGP con Kenny Roberts potrebbe essere interessante. `Per ora, mi faccio una idea di cosa si tratta. A Kenny piace parlare di cose tecniche ed è quello che abbiamo fatto per ore. Sta cercando di migliorare per il prossimo anno, ma non so se posso fare veramente qualcosa con lui. Da un punto di vista tecnico, sarebbe interessante concludere qualcosa, ma tutto dipende dal campitale disponibile. Se i mezzi non mancano, potrebbe essere una cosa interessante. Kenny vuole dare il via a una nuova fase e ha parlato con molta gente legata alla F1. Credo che voglia lo stesso tipo di organizzazione, un gruppo ben strutturato e ovviamente molti membri del suo team sono già abituati a lavorare in questo modo´.

Tags:
MotoGP, 2002, Grande Premio Marlboro de Portugal

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›