Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Sete Gibernau cura le ferite e raduna le forze per la gara di Rio

Sete Gibernau cura le ferite e raduna le forze per la gara di Rio

Sete Gibernau cura le ferite e raduna le forze per la gara di Rio

Anche se il vincitore ufficiale del Gran Premio Marlboro del Portogallo, disputato due settimane fa sotto il diluvio di Estoril, è Valentino Rossi, molti vedono in Sete Gibernau, pilota del team Telefónica Movistar Suzuki, il vero protagonista della prova. Lo spagnolo ha assunto il comando fin dai primi giri e ha dato spettacolo, governando la sua Suzuki in modo magistrale fino a quando, a tre giri dal traguardo, è caduto, e il sogno è svanito.

Oltre all´enorme delusione per essersi lasciato scappare una vittoria che aveva quasi in mano, il pilota di Barcellona ha portato con se in Brasile, le conseguenze di quella caduta, che lo accompagneranno mentre disputa il Gran Premio Cinzano de Río: `Quello che è successo in Portogallo è ormai acqua passata. Ovviamente mi sarebbe piaciuto vincere, ma non è stato così e non voglio pensarci più. Il problema è che sono ancora dolorante per la caduta, e non so se sabato correrò al 100%´. Il pilota della Suzuki non nega di avere esperienza nelle gare sul bagnato (l´unica gara la vinse l´anno scorso a Valencia, anche in quesll´occasione sotto la pioggia) ma pensa di aver corso altre buone gare questa stagione: `A Donington sono arrivato sesto, e ci sono altre prove dove mi sono comportato bene. Penso che forse la pioggia tende a portare i piloti sullo stesso livello, nient´altro´.

Gibernau desidera chiudere questa stagione, dedicata all´evoluzione della nuova Suzuki GSV-R 4 Tempi, con qualche bel risultato: `Abbiamo lavorato alla base della moto durante tutto l´anno, modificando parti del telaio e del motore. Adesso, in attesa di modifiche più radicali, che dipendono dal costruttore, stiamo cercando di mettere a punto una nuova frizione, cha abbiamo già utilizzato in qualche gara´. Lo spagnolo si dichiara ottimista riguardo alla gara in Brasile: `So che non sarà facile, perché ho ancora le tracce dell´altra caduta, ma il circuito mi piace; ho voglia di fare una buona gara e di continuare il cammino intrapreso a Estoril, magari con un po´ più di fortuna!´.

Tags:
MotoGP, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›