Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Arnaud Vincent perde terreno

Arnaud Vincent perde terreno

Arnaud Vincent perde terreno

Niente è sicuro fino a quando non si passa la bandiera a scacchi… è una frase che si sente ripetere spesso e, per l´ennesima volta, si è rivelata esatta anche nella gara della 125 di domenica scorsa, a Motegi. Prima del Gran Premio Gauloises del Pacifico, l´esito del Campionato del Mondo sembrava legato alla capacità di reazione del Campione del Mondo in carica, Manuel Poggiali, ma invece è stato il suo più diretto avversario, Arnaud Vincent, o meglio la sua meccanica, a cambiare le cose.

Mentre Daniel Pedrosa girava in solitario in testa, Arnaud Vincent, in una comoda seconda posizione, sembrava intenzionato a portare a casa altri punti preziosissimi, già proiettato verso il titolo. Questo fino a quando la sua Aprilia non decise diversamente: a tre giri dal traguardo, il tubo di scappamento forato mandò in fumo tutto il suo impegno e cambiò radicalmente la situazione del Campionato. `La moto ha perso improvvisamente potenza´, ha poi spiegato il francese. `Mi sono dovuto fermare per mettere lo starter e migliorare la carburazione. Solo questo mi ha permesso di portare a termine la gara e di intascare un punto´.

Dopo questo incidente, Vincent cercò di dare il massimo e arrivò 15º, rimanendo in questo modo l´unico pilota della 125 che ha concluso tutte le gare della stagione in zona punti. Magra consolazione per l´attuale leader del Campionato del Mondo, che ha visto il suo margine su Poggiali ridursi a 8 punti, dal momento che il rivale si classificò in seconda posizione. D´altra parte, grazie alla vittoria di Motegi, Dani Pedrosa si ripresenta come aspirante al titolo, quando mancano solo tre gare. Questo valido pilota spagnolo potrà guardare con occhi diversi i tre appuntamenti che lo aspettano, visto che il distacco da Vincent adesso è di 24 punti, mentre quello da Poggiali è di 16.

In questa fase del campionato, Vincent si mostra fiducioso, ma realista : `Mancano ancora tre gare da disputare e ho un vantaggio di 8 punti, non posso permettermi di dormire. Temo tutti, ma allo stesso tempo nessuno´. I tre aspiranti al titolo dovranno essere disposti a tutto, forse fino alla bandiera a scacchi della gara di Valencia.

Tags:
125cc, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›