Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Riassunto del Campionato del Mondo 250cc 2002

Riassunto del Campionato del Mondo 250cc 2002

Riassunto del Campionato del Mondo 250cc 2002

Dopo un Campionato del Mondo 250 2001, caratterizzato dal faccia a faccia tra due piloti, per la stagione 2002 si preannunciava un´aperta battaglia, dal momento che Daijiro Kato e Tetsuya Harada erano passati alla categoria della MotoGP, e Marco Melandri era l´unico pilota che aveva già vinto una gara della quarto di litro. Il ravennate, ai comandi di un´Aprilia ufficiale, diventava in questo modo il favorito. Ciò nonostante Melandri non riuscì a fare prestazioni costanti nelle prime gare del Campionato e il suo ruolo di protagonista incominciò a tentennare, mentre dallo schieramento emergeva un pilota spagnolo, pronto a dare battaglia.

Dopo la prima gara, nella quale furono i wildcard Miyazaki e Sakai a conquistare il podio sotto l´acquazzone di Suzuka, Melandri comandò dalla partenza all´arrivo la seconda gara, a Welkom, ma poi cadde all´ultimo giro sul tracciao di Jerez, lasciando il trionfo a Nieto, che si aggiudicò la prima gara davanti al suo pubblico. Nieto vinse anche la gara successiva, a Le Mans e si portò al comando della classifica, mentre Melandri, con il secondo posto, passava a occupare la quarta posizione nella classifica piloti, alle spalle dell´accoppiata Honda, formata da Roberto Rolfo ed Emilio Alzamora.$$$ Marco Melandri diede il meglio di sé nella gara di casa, al Mugello, e vinse un´avvincente battaglia fino al traguardo con Roberto Locatelli e Fonsi Nieto, conquistando la terza vittoria della sua carriera e rientrando a far parte della corsa al titolo. Non si accontentò del successo in Italia, e snocciolò una serie di vittorie consecutive: Catalunya, Assen, Donington, Sachsenring e Brno, per un totale di sei e intanto accumulava vantaggio sullo spagnolo, distaccato di 37 punti quando mancavano sei gare.

Nieto riuscì a conquistare la vittoria, dopo essere caduto ed essere stato autore di una rimonta sulla pista bagnata dell´Estoril, ma Melandri correva per il titolo, e fece seguire al secondo posto in Portogallo una gara senza rischi a Rio, in condizioni molto simili, due settimane dopo. Nieto era partito male e poi cadde, mentre Sebastian Porto conquistava la sua prima vittoria sotto la pioggia di Rio. Melandri arrivò quarto e il suo vantaggio sugli inseguitori era di 45 punti.

Verso la fine della stagione si mise in mostra un altro emergente, il giovane spagnolo Toni Elias, alla sua prima stagione nella 250cc, che riuscì a battere Melandri nella gara più entusiasmante della stagione, vincendo la sua prima gara sulla pista di Motegi. Nieto arrivò quarto, ma la domenica dopo, a Sepang, rinacque in lui la spranza di vincere il titolo, quando Melandri fu costretto al ritiro per problemi elettrici ed Elias obbedì agli ordini della scuderia, lasciando vincere il compagno di squadra e lasciandogli intascare il punteggio massimo.

Per poter raggiungere Melandri e giocarsi con lui il titolo nell´ultima gara di Valencia, Nieto avrebbe dovuto imporsi anche nella penultima prova della stagione, a Phillip Island, e la gara fu combattutissima, ma alla fine fu il pilota di Ravenna ad avere la meglio, battendo il rivale sul traguardo per 0.007 secondi. Melandri, 20 anni, grazie all´ottava vittoria della stagione, diventò il più giovane campione del mondo della 250cc e concedette il bis sotto il sole di Valencia due settimane dopo per mettere le mani sul suo primo titolo iridato.

Tags:
250cc, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›