Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Leon Camier parteciperà al mondiale grazie alla fiducia della sua famiglia

Leon Camier parteciperà al mondiale grazie alla fiducia della sua famiglia

Leon Camier parteciperà al mondiale grazie alla fiducia della sua famiglia

La rappresentanza britannica sul palcoscenico del Campionato del Mondo conterà nel 2003 con l'adolescente Leon Camier nella categoria delle 125 cc. Leon è una delle speranze del motociclismo britannico ma è senza dubbio anche la grande scommessa della sua stessa famiglia, che per il momento ha reso possibile, con il suo appoggio economico, la partecipazione del promettente pilota alla competizione.

L´adolescente, che nel 2001 è diventato il campione britannico più giovane della 125cc, ottenendo il titolo con appena 15 anni d'età, ha partecipato a tre corse dello scorso Campionato del Mondo di 125 cc a bordo di una Italjet che è risultata poco competitiva, ma quest´anno ritorna per partecipare pienamente alla competizione mondiale nel seno della squadra Racing Service, in sella ad una Honda.

`Ovviamente, sono molto contento di aver firmato questo accordo ed eccitato di fronte alla prospettiva di cominciare a competere. È la stessa squadra dell'anno scorso, ma la Honda dovrebbe essere molto più competitiva dell'Italjet. Non abbiamo ancora trovato gli sponsor, e questo sta diventando un autentico problema visto che i miei genitori hanno dovuto vendere la casa per aiutare a finanziare il progetto. Magari alla fine dovremo andare a vivere in una roulotte, quindi chiunque possa aiutarci avrà tutta la nostra gratitudine!´.

Il più alto livello di competizione è tanto duro fuori dalle piste come all'interno di esse, e Camier prevede che la sua stagione come debuttante sarà particolarmente dura: `Sarà molto difficile, soprattutto con piloti come Stoner e Locatelli, che l'anno scorso stavano nella 250, che si sommano a Vincent, Pedrosa e tutto il resto. Quando dai un´occhiata alla lista degli iscritti, vedi almeno venti piloti che sono in grado di stare tra i primi dieci, quindi andare a punti sarà già una sfida enorme. Io mi sono ripromesso di mantenermi regolarmente tra i migliori quindici, e credo di poterci riuscire´.

Camier ammette che sente la pressione che rappresenta la grande scommessa dei suoi genitori, ma insiste sul fatto che è in possesso della determinazione e dell'appoggio per corrispondere al loro gesto. `Sono fortunato perché da quando ho cominciato a correre i miei genitori non mi hanno mai sottoposto a pressioni. Ho visto altri piloti con i loro genitori accanto, a urlare e urlare, ma nel mio caso mi hanno sempre prestato tutto il loro appoggio e questo è stato l'ultimo sacrificio che potevano fare, quindi non posso negare di sentire una certa pressione. Mi hanno offerto questa opportunità e io devo fare tutto il possibile per provare che ne sono meritevole´.

Tags:
125cc, 2002

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›