Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Secondo giorno di test a Sepang, Biaggi racconta

Secondo giorno di test a Sepang, Biaggi racconta

Secondo giorno di test a Sepang, Biaggi racconta

Il ritorno di Biaggi alla casa con cui corse nel 1998, un anno che Biaggi stesso definisce uno dei suoi migliori nel mondiale, è solo uno degli elementi che concorrono a far diventare il prossimo Campionato del Mondo MotoGP uno dei più eccitanti di sempre. Questa volta tuttavia, `l'imperatore romano´ com´è stato definito dopo la vittoria di quattro titoli consecutivi nella classe 250 tra il 1994 e il 1997, aspira ad un anno ancora migliore. Tre volte secondo assoluto nella classe regina, compreso il 1998, Max, tornato alla Honda, è ancora una volta uno dei piloti al top. Combattente nato qual´è, è evidente che gli manca molto non aver conquistato il titolo nella classe regina. A parte i sorrisi e la gentilezza di fronte alle telecamere, com´è per tutti i piloti, Biaggi essere il leader e solo la vittoria renderà questo campionato meritevole di essere disputato.

Tuttavia, intervistato da motograndprix.com durante i test di Sepang, parla con moderazione delle sue chances in questa prima fase della stagione. `Senza dubbio mi sono posto degli obiettivi piuttosto alti per quest´anno, ma adesso voglio rimanere concentrato sul presente´, ha detto. `E´ passato un bel po´ di tempo prima che riuscissi a provare questa moto – perché questo in realtà è il mio primo vero test, e sto utilizzando questi tre giorni per capire il mezzo e per trovarmi a mio agio guidandolo. Non ho fatto molti giri finora, impegnandomi piuttosto a renderla adatta alle mie caratteristiche. Prima di venire qui era da più di due mesi che non salivo in sella, e adesso ho bisogno di togliere un po´ di ruggine.

Sembra proprio che Biaggi sia già entrato in confidenza con la RC211V, dato che ha segnato tempi molto buoni in entrambi i giorni in cui ha guidato le due moto che ha a disposizione. `Per essere onesto penso che domani alla fine dei tre giorni sarò abbastanza in forma. Questa moto mi piace ma voglio capirla meglio guidandola un po´ di più, in modo da trovarne i punti di forza. Per il momento sono abbastanza contento. Sto facendo un buon lavoro dopo essere rimasto fermo a lungo. Non voglio dire molto ma sono sicuro che mi troverò bene e che la moto è valida´.

Con gli altri due grandi rivali in pista, Valentino Rossi e Loris Capirossi, il romano potrebbe aver avuto la tentazione di seguirli per un po´ per studiarli in azione ma ammette di aver preferito pensare a se stesso. `Non sono stato dietro agli altri quando eravamo in pista allo stesso tempo e non ho visto cosa stessero facendo. Qualcuno ha tentato di farlo con me ma io ho rallentato- in genere è normale farlo ma per me non è importante seguire gli altri. Per prima cosa devo andare forte da solo e poi, forse, posso dare un´occhiata agli altri´.

Diversamente da ieri, quando la pioggia ha interrotto i test in anticipo, oggi a Sepang c'è stato un sole splendido per tutto il giorno. Rossi è stato il più veloce dopo aver sfruttato appieno la giornata di prove. Tutti hanno migliorato i loro tempi e, dopo Daijiro Kato, secondo dietro a Rossi, troviamo Loris Capirossi, a riprova che la buona prestazione di ieri non era campata in aria. Capirossi conviene che la Ducati è veloce ma pensa che la Honda sia superiore in accelerazione.

Tempi non ufficiali: Valentino Rossi 2´03.5; Daijiro Kato 2´04.3; Loris Capirossi 2´04.4; Max Biaggi 2´04.5; Tohru Ukawa 2´04.9; Sete Gibernau 2´04.9;Shinichi Itoh 2´05.6; Troy Bayliss 2´06.0; Nicky Hayden 2´06.6; Makoto Tamada 2´07.0

Tags:
MotoGP, 2003, Max Biaggi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›