Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Troy Bayliss si tiene in forma tra un test e l´altro

Troy Bayliss si tiene in forma tra un test e l´altro

Troy Bayliss si tiene in forma tra un test e l´altro

Troy Bayliss sta attualmente godendosi quasi un intero mese di sosta dopo l´ultimo test della Ducati a Sepang e prima dei prossimi test IRTA in programma alla fine di febbraio a Jerez. Il trentatreenne ex Campione del Mondo Superbike è in Europa per continuare comunque la sua preparazione in vista della stagione 2003 dopo aver già partecipato ad una nutrita serie di prove che lo hanno portato prima a Valencia e a Jerez in Spagna, poi a Phillip Island nella sua nativa Australia, ed infine, appunto, a Sepang in Malesia.
`Stiamo entrando in una sorta di routine europea con i bambini che frequentano la scuola ed io che mi alleno come di consueto,´ racconta Bayliss, che risiede a Monaco. `Andrò a Bologna martedì prossimo per il mio test bi-annuale di controllo. So perfettamente, in qualsiasi giorno dell'anno a che punto sono con la mia preparazione fisica e so che questo test mi dirà che sono più in forma che mai. Tuttavia mi servirà per vedere se un certo tipo di lavoro meriti di essere fatto oppure no e per controllare se sono stato attento a tutto per bene anche se sono molto sereno sotto questo punto di vista. Tutto sta andando nella direzione giusta su quel fronte´.

L´estemporanea pausa tra i test ha dato a Bayliss l´opportunità di riflettere sulla positiva uscita sul circuito malese, dove sia lui sia il compagno di squadra, Loris Capirossi, sono stati capaci di portare la Desmosedici a combattere contro la potente Honda RC211V e l´attuale Campione del Mondo Valentino Rossi. `E´stato il primo, vero, importante confronto a cui abbiamo partecipato corredato, per di più, dall´attenzione generale dei media e della stampa; un bel divertimento insomma, ´ ha commentato l´australiano. `Nei primi due giorni mi sono limitato a guidare e a trovare la confidenza con la pista, cosa che mi è riuscita piuttosto bene. Abbiamo perso metà della prima giornata per la pioggia ma abbiamo recuperato il giorno dopo facendo un bel po´di giri; poi, il terzo giorno, anche se abbiamo girato solo dalle 13 alle 17 per colpa dell´umidità lasciata in pista dalla pioggia notturna, è stato come se avessimo fatto quattro ore di fila di prove ufficiali. Penso di aver fatto almeno 60 giri, che sono molti in un posto del genere. Sono andato via molto felice dei progressi ottenuti´.
`La Ducati non era mai stata a Sepang con la MotoGP e io non avevo mai visto la pista prima di allora quindi, tutto considerato, siamo andati molto bene. Quando guidavo la mia Superbike e il set up era perfetto sapevo bene che l'avantreno e il retrotreno erano al limite e che le sospensioni stavano lavorando nella maniera migliore. Adesso non sono ancora arrivato a quel livello quindi so che c´è ancora molto da tirar fuori sia da me sia dalla Desmosedici. E´ stata una buona cosa confrontarsi con la moto che ha vinto il campionato l´anno scorso perché adesso sappiamo meglio dove stiamo´.

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›