Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La pioggia ferma l'azione e Rossi prende il controllo

La pioggia ferma l'azione e Rossi prende il controllo

La pioggia ferma l'azione e Rossi prende il controllo

Le nuvole grigie che da qualche giorno incombevano minacciose sul circuito di Suzuka, si sono tramutate in pioggia nei momenti più inopportuni, con scrosci intermittenti che hanno disturbato i turni di qualifica del GP SKYY VODKA del GP del Giappone, di tutte e tre le classi. Nonostante la leggera umidità della pista all'inizio del turno delle prime prove ufficiali della MotoGP, i piloti si sono dati battaglia fino a che uno scroscio di pioggia ha praticamente reso inutile la seconda mezz'ora di prove e ha cristallizzato la prima posizione di Valentino Rossi. Il campione del mondo infatti è rimasto stabilmente alla guida della classifica mentre solo uno sparuto gruppetto di piloti si è azzardato a tornare in pista per provare diverse e regolazioni per quello che si avvia ad essere un fine settimana dalle condizioni del tutto imprevedibili.

Nel frattempo, Max Biaggi nella prima mezz'ora ha mostrato qualche segno che il circuito di Suzuka potrebbe rivelarsi di nuovo un talismano per lui che sogna di ripetere l'impresa del 1998, quando ha conquistato la vittoria al debutto nella classe regina. L'italiano, che adesso guida la RC211V con la quale l'anno scorso Rossi ha conquistato il titolo, oggi ha realizzato il secondo tempo alle spalle del rivale. Il compagno di squadra di Biaggi, Tohru Ukawa, è terzo, mentre Carlos Checa ha fatto del suo meglio per risollevare lo spirito della Yamaha conquistando il quarto tempo e l'ultimo posto nella prima fila provvisoria.

Makoto Tamada è stato impressionante in sella alla sua Honda gommata Bridgestone, qualificandosi al quinto posto e in seconda fila provvisoria accanto al compagno di marca Sete Gibernau, al pilota della Suzuki, Kenny Roberts, e a quello della Yamaha, Alex Barros. Colin Edwards, che condivide con Barros una profonda conoscenza della pista avendo vinto la 8 Ore, ha dimostrato i progressi della sua Aprilia capeggiando la terza fila provvisoria.

Oltre all'infortunato Marco Melandri, l'unico pilota che non è riuscito a qualificarsi prima della pioggia è stato Jeremy McWilliams che ha avuto un problema meccanico con l'unica due tempi rimasta in pista, la Proton KR3. Il pilota inglese ora è costretto ad un'ansiosa attesa di sapere come sarà il tempo domani.

Tags:
MotoGP, 2003, SKYY VODKA Grand Prix of Japan

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›