Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Mirko Giansanti spera di conquistare la sua prima vittoria nel corso della stagione

Mirko Giansanti spera di conquistare la sua prima vittoria nel corso della stagione

Mirko Giansanti spera di conquistare la sua prima vittoria nel corso della stagione

Pare che tornare a correre per il team italiano Matteoni Racing, con il quale si era già messo in luce nel mondiale, sia stata una mossa azzeccata per Mirko Giansanti.
L´italiano è infatti riuscito a ripetere a Suzuka il risultato dell'anno scorso che lo aveva visto salire sul secondo gradino del podio. Tuttavia quel brillante inizio era rimasto un caso isolato e, alla fine del 2002, l'unica occasione in cui aveva stappato lo champagne del podio. Adesso, alla guida di un'Aprilia, Giansanti è determinato a far sì che la nuova e positiva partenza, sia solo l'inizio di una stagione di successi. Ecco cosa ha raccontato a motograndprix.com.

`Mi sono adattato rapidamente al passaggio dalla Honda all'Aprilia e le mie aspettative sono molto diverse dal quelle della scorsa stagione, che non è stata certo entusiasmante,´ ha spiegato Giansanti che nel 2002 si è classificato al quindicesimo posto finale. `E riduttivo dire che il secondo posto di Suzuka è stato una sorpresa perché durante il fine settimana abbiamo provato sempre sotto l'acqua e non ero per niente sicuro che la moto fosse a posto con le regolazioni da asciutto. Ma dobbiamo aver fatto le cose per bene perché in gara sono stato in grado di lottare per il podio. Non dico che avrei potuto vincere perché all'ultimo giro era difficile stare davanti a quel gruppo, ma sono soddisfatto del mio risultato. Penso che sia un bel modo di cominciare il campionato´.

Mirko sta trascorrendo alcuni giorni in famiglia, nella nativa Terni, ma continua ad allenarsi e guarda con fiducia alla prossima gara in Sud Africa in programma alla fine del mese: `Welkom è una pista che mi piace ma la cosa davvero importante è riuscire a mettere bene a punto la moto. Noi siamo molto vicini a riuscirci e quando la moto va bene, il circuito diventa il fattore minore. A Suzuka ci mancava un po' di velocità e per la prossima gara lavoreremo su quello´.

Tags:
125cc, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›