Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Bayle a Barcellona sta provando la Suzuki

Bayle a Barcellona sta provando la Suzuki

Bayle a Barcellona sta provando la Suzuki

Suzuki, Aprilia e Kawasaki da Jerez si sono spostate a Barcellona per provare sul circuito catalano. Le squadre hanno cominciato a lavorare martedì sotto un cielo nuvoloso, ma con una temperatura buona, con Jean Michel Bayle, che ha cominciato il suo primo test in sella alla GSV-R di John Hopkins. L'esperto francese, che fa parte del Team di Endurance che recentemente ha realizzato una doppietta alla 24 ore di Le Mans, è stato incaricato dall'azienda giapponese di collaborare allo sviluppo del prototipo MotoGP, una proposta che ha accettato volentieri.

`Lavoro per La Suzuki da due anni e mezzo ormai e conosco bene Kenny (Roberts). Prendere la decisione di lavorare insieme dunque è stato facile,´ ha detto Bayle, che l'anno scorso ha fatto due gare per il Red Bull Yamaha. `La cosa buona è che nella mia carriera ho provato diverse moto – la 500 due tempi, la GSX-R1000 da endurance, ed ora, la MotoGP. Ho una mente molto aperta perché sono abituato a cambiare moto quindi mi adatto facilmente e provo a risolvere un problema alla volta.´

Anche se Hopkins a Jerez ha fatto una gran gara, Bayle è stato in grado di fare già diverse considerazioni su dove la moto può essere migliorata per poter stare con costanza al passo dei migliori. `La moto è completamente nuova ed è molto potente, tanto che trovare l'aderenza necessaria è una sfida. C'è molto lavoro da fare – non solo dal punto di vista meccanico ma anche da quello dell'elettronica e del software. Ci può voler molto tempo a fare cambiamenti di un certo rilievo in queste aree. ´

Bayle ha la reputazione di essere un eccellente collaudatore e di saper fornire riscontri molto validi, ma non solo. Sa giudicare le cose dal punto di vista di un pilota di alto livello e questo è un bene per Roberts e Hopkins. `I piloti vogliono solo correre – vogliono una buona moto in modo da poter andare fuori e fare dei giri veloci. Non è facile per loro passare molto tempo a tentare cose nuove, quindi il mio compito diventa quello di togliere un po' di questo lavoro dalle loro spalle. Sono qui per provare particolari che richiedono lunghi test in modo che Kenny e John possano avere una moto valida e facile da guidare. ´

Nonostante sostenga che il suo ruolo si limiti ad essere un aiuto per i piloti della squadra, Bayle non nega a priori la possibilità di partecipare ad un GP. `Sono molto felice di fare questi test, mi piace guidare la moto e provare a svilupparla e penso che ci saranno ulteriori occasioni di farlo in futuro. Per quanto riguarda le gare, se i giapponesi dovessero chiedermelo può darsi che non dica di no ad una gara come wildcard. Però questo non significa nemmeno che dica sì! ´

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›