Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Il ‘rullo compressore' Ducati si ferma in Francia

Il ‘rullo compressore' Ducati si ferma in Francia

Il ‘rullo compressore' Ducati si ferma in Francia

Il Team Marlboro Ducati è incappato nel peggior fine settimana della stagione a Le Mans, allorché entrambi I suoi piloti sono stati costretti al ritiro nel corso della prima metà del GP di Francia, interrotto a causa della pioggia.

Fino alla quarta prova del campionato 2003 la Ducati, nelle mani di Loris Capirossi e di Troy Bayliss, è stata nel contempo la più grossa sorpresa e la rivelazione dell'anno. Dopo due podi (uno ciascuno per pilota) nelle prime tre gare ed un quinto posto di Bayliss come peggiore prestazione, il loro arrivo nel paddock della MotoGP avrebbe potuto essere più sensazionale solo con una vittoria, viste le prime due posizioni conquistate sulla griglia di partenza di Jerez.

Sfortunatamente la bella immagine delle moto rosse in prima linea con i migliori ed in mezzo alle Honda non è apparsa in Francia, anche se Capirossi ha fatto la sua solita partenza lampo ed ha guidato la gara nel primo giro.

L'italiano, che non è riuscito a far punti nelle due gare precedenti,dopo il terzo posto conquistato in Giappone, non era in perfetta forma a causa di un ricovero in ospedale per dolori di stomaco, ed ha accusato subito problemi e velocemente è stato costretto al ritiro nel corso della prima parte della gara, quella asciutta. ‘Sono partito benissimo' ha sottolineato Loris.'Stavo lottando con Valentino che mi ha passato quando ho iniziato ad avere problemi con il cambio. Il dispositivo elettronico che interrompe la corrente per il tempo necessario alla cambiata rimaneva inserito più tempo del necessario ogni volta che inserivo un rapporto, tanto che era impossibile proseguire.´

Bayliss, al debutto sul circuito francese e con poca esperienza sull'asciutto, è invece caduto collezionando il primo ritiro dell'anno. ‘Ho combattuto con la moto per l'intero fine settimana' ha detto. ‘Abbiamo avuto una serie di piccoli problemi che si sono ripetuti nella gara ed infine sono caduto. E' stata una strana scivolata e non so veramente cosa sia successo.´

Il team italiano comunque deve ancora giocare il suo jolly: il circuito di casa. Sicuramente nella quinta gara della stagione, al Mugello, la Desmosedici sarà più che pronta, avendo completato migliaia di chilometri sul tracciato toscano, e una memorabile prima vittoria non è del tutto improbabile.

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›