Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo a Le Mans non è riuscito a sfruttare il suo potenziale ma spera di ripetere presto il suo successo in qualifica

Lorenzo a Le Mans non è riuscito a sfruttare il suo potenziale ma spera di ripetere presto il suo successo in qualifica

Lorenzo a Le Mans non è riuscito a sfruttare il suo potenziale ma spera di ripetere presto il suo successo in qualifica

Il diciassettenne Jorge Lorenzo si è messo in luce nei due giorni di prove di Le Mans qualificandosi in prima fila, ma domenica è stato al centro dell'attenzione solo per lo sfortunato contatto con il campione in carica Arnaud Vincent durante il primo giro, che ha spedito entrambi nella polvere.

Tra tutti e due, i piloti del team Caja Madrid Derbi, Lorenzo ed il suo più esperto compagno Emilio Alzamora, hanno raccolto un punto in quatro gare. Il miglior risultato di Alzamora, in particolare, è stato il 18° posto di questo fine settimana.

La squadra paga lo scotto di non aver potuto provare la nuova 125 durante l'inverno ma l'ottimo risultato di Lorenzo in prova aveva dato a tutti una sferzata d'entusiasmo. Il settimo tempo sul bagnato sabato aveva confermato le buone potenzialità dimostrate il giorno prima.

Il teenager di Maiorca è diventato il secondo pilota più giovane di sempre a conquistare una partenza dalla prima fila. Il risultato appare tanto più eclatante se si considera che il miglior risultato di Lorenzo nelle 12 sessioni totali fatte prima di Le Mans, tra libere ed ufficiali, era stato un settimo piazzamento la mattina del sabato a Jerez. Per il resto aveva sempre faticato ad entrare addirittura tra i primi venti.

Un'anticipazione di come la fortuna stesse girando è però arrivata già dal warm up della gara francese, quando il giovane spagnolo è scivolato storcendosi la caviglia. In gara non è riuscito a partire bene dalla prima fila e stava cercando di recuperare quando si è toccato con la KTM di Vincent.

´Temo di aver perso una grande opportunità, ´ ha detto in seguito. ´In partenza ho perso subito diverse posizioni e poi sono caduto tentando di passare Vincent. Ha fatto un piccolo errore ed io ho provato a superarlo all'interno ma lui ha chiuso la linea e siamo usciti di pista cadendo. Ci tenevo davvero a fare una bella gara anche se il piede mi faceva male dopo la caduta nel war up. Ero sicuro di essere veloce e di avere il ritmo giusto. E' un peccato ma sono comunque soddisfatto di come ho guidato nei due giorni precedenti e dei progressi fatti dalla moto. ´

Con Alzamora che fatica ad adattarsi alla 125 dopo aver corso in 250, Lorenzo ha creato un forte legame con la squadra spagnola, nonostante la sua inesperienza. Non sarà da sorprendersi se il giovane pilota nel 2003 si farà notare di nuovo.

Tags:
125cc, 2003, Jorge Lorenzo

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›