Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Roberts parla della caduta al Mugello

Roberts parla della caduta al Mugello

Roberts parla della caduta al Mugello

L'ex campione del mondo della 500cc Kenny Roberts Jr. domani tornerà negli Stati Uniti per proseguire il trattamento mirato a ridurre gli ematoni al costato che lo hanno costretto a dare `forfeit´ per la gara di domenica. Il pilota americano spera così di poter tornare in sella per il Dutch TT in programma ad Assen il 28 giugno. Roberts è rimasto infortunato nella collisione con il compagno di squadra John Hopkins nella gara del Mugello di domenica scorsa e, anche se non sono state diagnosticate fratture, pensa di poter avere un'incrinatura allo sterno. La caduta, che ha portato al ritiro di entrambi i piloti, è stata causa di varie speculazioni durante la settimana, messe a tacere dallo stesso Roberts che ammette la sua responsabilità nell'episodio.

`Ho sbagliato i tempi ed ho fatto un casino, ha detto l'americano. `Ho tentato di evitare una simile eventualità per tutto l'anno ma questa volta volevo essere un po' più aggressivo. Ero più veloce di John quindi ho deciso di passarlo e provare a stare con Colin (Edwards). Ho provato ad andargli sotto in curva ma l'incidente successivo non è stato uno dei soliti. Appena ho scalato dalla terza alla seconda la moto si è messa immediatamente di traverso, come se avessi frenato. Da quel momento in poi ho solo cercato di riprenderla e di evitare John.´

$$$ `John era all'esterno rispetto a me quindi non ho potuto raddrizzarla ed andare dritto perché lo avrei colpito in maniera addirittura più violenta. Allora ho provato a piegare e a cercare di evitarlo ma ovviamente non ci sono riuscito. E' sempre colpa del pilota quando questo tipo di cose accadono, ma il problema è che non avevo controllo. Da quando ho scalato ho solo potuto cercare di gestire il problema.´

`Come ha detto John, è difficile quando accadono cose come questa, specialmente all'interno del tuo team. Io penso che la Suzuki capisca che entrambi stiamo dando il massimo per far bene. Adesso spero solo che quando sarò in grado di tornare in sella i miglioramenti apportati l'abbiano resa più prevedibile e controllabile.´

Tags:
MotoGP, 2003, Gran Premi Marlboro de Catalunya, Kurtis Roberts

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›