Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Olivier Jacques è molto motivato

Olivier Jacques è molto motivato

Olivier Jacques è molto motivato

Il francese Olivier Jacque è molto carico per quanto riguarda la gara tedesca al Sachsenring. Il pilota del team Gauloises Yamaha si è ripreso dalla brutta caduta di Donington Park nell'insidiosa curva Melbourne, dove ha riportato un forte colpo alla testa e al piede destro. L'anno scorso Jacque è stato uno dei piloti chiave del GP di Germania. Ha combattuto per la vittoria dal terzo giro fino alla fine quando è stato involontariamente buttato fuori pista dall'attuale compagno di squadra Alex Barros. In questo modo i due, che erano davanti, hanno consegnato la vittoria nelle mani di Valentino Rossi che ha così conquistato la settima vittoria di fila. Il ricordo dell'incidente non turba Jacque in vista della gara imminente.

`Sono davvero motivato in questo fine settimana. Mi sento bene nonostante la caduta di Donington e ho un bel ricordo del Sachsenring, ha detto il pilota francese che il prossimo mese compirà trent'anni. `L'anno scorso sono partito dalla pole e sono stato in testa alla gara. Avevo la vittoria in mano fino a quando Alex Barros ha fatto cadere entrambi. L'anno scorso però guidavamo una 500, una moto agile e reattiva.´ Contrariamente a molti suoi colleghi, Jacque è contento di correre sul tortuoso e stretto circuito del Sachsenring: `Mi piace davvero molto questa pistina, perché è tutta involuta e l'abilità del pilota conta molto. E' un circuito tecnico con parti molto lente e cotropendenze, dove si deve essere molto precisi. La minima differenza in accelerazione modifica la tua traiettoria. Bisogna essere agili ma molto puliti. Se non si fa bene la prima curva, il resto di quella sezione è compromesso: in pratica non ti concede spazio per la minima imperfezione!´.

Jacque è consapevole che quest'anno in sella alla M1 le cose saranno diverse. `Questa è la prima volta che affronto il circuito con la quattro tempi. Date le caratteristiche del motore e la tanta potenza bisogna stare attenti quando si apre il gas. Penso che guidare ad alto livello sia più impegnativo in paragone alle due tempi. Comunque abbiamo visto sin dall'inizio stagione che Rossi sta andando un secondo, un secondo e mezzo più forte dell'anno scorso. Queste moto progrediscono in maniera fenomenale!´.

Riguardo al campionato, l'ex campione del mondo della 250 pensa che stiano arrivando tempi migliori, grazie soprattutto al grande lavoro della sua squadra per migliorare la moto: `Sento che stiamo progredendo. Sono a mio agio con la Yamaha, e anche le gomme sono migliorate. La moto non è ancora al livello dei nostri avversari ma abbiamo fatto dei piccoli passi, specialmente con l'elettronica che nel passato ci impediva di migliorare. Speriamo di fare ancora meglio qui in Germania, e ancora grazie alla squadra per tutto quello che sta facendo´.

Tags:
MotoGP, 2003, Cinzano Motorrad Grand Prix Deutschland

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›