Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Michelin è sempre più forte nella classe regina

La Michelin è sempre più forte nella classe regina

La Michelin è sempre più forte nella classe regina

La Michelin è senza dubbio la forza dominante della classe regina per quanto riguarda gli pneumatici e quest'anno festeggia la sua 30esima stagione nel mondo dei gran premi. La continua ricerca tecnologica messa in atto dalla casa francese ha permesso ai piloti, e continua a farlo, di frantumare record dopo record, in quasi tutte le gare.

Dall'introduzione delle quattro tempi nel motomondiale, le case fornitrici di pneumatici hanno avuto il loro bel daffare per trovare l'aderenza necessaria all'enorme potenza delle nuove moto.

La Michelin si è dimostrata all'altezza dell'impresa tanto che le sue gomme letteralmente dominano la scena e tantissime sono le squadre ed i piloti legati alla casa francese. Honda, Yamaha, Suzuki, Ducati e Aprilia sono tutte gommate Michelin.

I tempi sul giro hanno cominciato a scendere rapidamente nel 2002, in seguito all'introduzione della S4 posteriore che offre una maggiore superficie di contatto della gomma sull'asfalto ed è quindi in grado di trasferire a terra una potenza superiore. Nel 2003 i loro sforzi si sono concentrati per ottenere la stessa efficacia sulla gomma anteriore. I progressi fatti finora sono incoraggianti ed i tempi continuano a calare. Il tempo in gara di Rossi a Brno è stato di 17.6 secondi più veloce dell'anno scorso, che a sua volta era stato di 25 secondi migliore del 2001. Il campione del mondo ha fatto un giro record in tutte e 25 le tornate della gara.

`Quest'inverno ci siamo concentrati maggiormente sulle gomme anteriori, che richiedono sempre un lavoro a lungo termine´, ha detto il responsabile delle competizioni motociclistiche Nicolas Goubert sul sito ufficiale. `C'è bisogno di più tempo per far progredire l'anteriore perché non è così facile per i piloti portare a limite la gomma anteriore durante i test. C'è bisogno di un rapporto di lavoro molto stretto tra noi e i nostri piloti´.

Quest'area richiede sicuramente particolare attenzione perché numerosi piloti nel corso della stagione hanno fatto capire di aver problemi a trovare la confidenza con l'anteriore delle rispettive moto. Per esempio si pensi a Carlos Checa con la Yamaha e a Sete Gibernau con la Honda, due fra i tanti che sono in cerca di migliorare la maneggevolezza della moto.

`La cosa più impegnativa è stata la costruzione´, continua Goubert. `Stavamo cercando più stabilità in frenata e in curva e più fiducia, sempre più fiducia nell'anteriore. Pensiamo di aver imboccato la strada giusta con l'ultima serie di anteriori prodotte´.

Lo sviluppo delle gomme è un lavoro su tempi che durano tutta una stagione: la Michelin porta più di 2000 gomme ad ogni gran premio. I loro primi successi nella classe regina arrivarono per mano di Barry Sheene nel 1976 e dal 1992 sono state una parte importante nella conquista dei titoli mondiali nella top class.

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›