Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La MotoGP affronta l'undicesimo round mondiale in Portogallo

La MotoGP affronta l'undicesimo round mondiale in Portogallo

La MotoGP affronta l'undicesimo round mondiale in Portogallo

Il mondiale della MotoGP questo fine settimana tocca la punta più occidentale d'Europa, andando a correre all'Estoril, sulla costa atlantica, il gran premio Marlboro del Portogallo. Sete Gibernau, uno degli aspiranti al titolo, era del suo umore migliore mentre, nel corso di una breve gita al vicino porto di Alcantara con i colleghi Marco Melandri, Alex Barros e Makoto Tamada, pianificava il prossimo attacco al leader del mondiale, Valentino Rossi. I due sono stati quasi inseparabili negli ultimi due mesi, sia in vacanza, quando si sono incontrati a Ibiza, sia in pista dove nelle ultime due gare sono arrivati al traguardo staccati di pochi millesimi. Il GP del Sachsenring, la gara numero nove, in luglio, è andato allo spagnolo, la decima a Brno, in agosto, all'italiano che ha così ristabilito il vantaggio di 34 punti in classifica. Il campione del mondo oggi ha riconosciuto l'importanza di questo fine settimana, l'ultima gara in Europa prima della trasferta intercontinentale in Brasile, Giappone, Malesia e Australia.

`Mi sono divertito in vacanza, ma adesso è ora di tornare al lavoro´, ha detto Rossi, tornato al suo colore naturale di capelli dopo il rosso brillante sfoggiato in Repubblica Ceca. `Ci sono gare importanti, su piste che mi piacciono, ed io sono pronto – beh, almeno lo spero! Le tre gare di fila fuori Europa saranno dure per tutti quindi è importante partire da qua con un buon risultato. L'Estoril non è una delle mie piste preferite ma ho dei bei ricordi – specialmente degli ultimi due anni. La cosa che spero di più è che questo fine settimana non piova. Il vento qui è sempre un problema, ma se il tempo resta bello, mi va bene lo stesso´.

Gli ultimi scampoli d'estate oggi hanno regalato all'Estoril una piacevole temperatura di 28° e le previsioni per il fine settimana sono buone. Tuttavia, la vicinanza del circuito con l'oceano Atlantico può portare ad improvvisi cambiamenti nelle condizioni atmosferiche, e sicuramente influenza le condizioni della pista, come ha detto il francese della Yamaha, Olivier Jacque. `Il vento che viene dal mare porta in pista un velo di umidità e di sale, che rendono l'asfalto particolarmente insidioso. Questo problema si sente soprattutto durante i primi due turni di qualifiche, prima che il passaggio delle moto crei una striscia pulita. E poi c'è il vento, che di solito si alza verso le due del pomeriggio, giusto in tempo per la gara! Quando qui ho vinto nel 2000, in 250cc, il vento era così forte che la moto si piegava in pieno rettilineo. Però per fortuna le quattro tempi sono più pesanti, quindi dovrebbero risentirne di meno´.

Tags:
MotoGP, 2003, Grande Premio Marlboro de Portugal

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›