Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Elias e Nieto non si danno per vinti nonostante la "debacle" di Rio

Elias e Nieto non si danno per vinti nonostante la 'debacle' di Rio

Elias e Nieto non si danno per vinti nonostante la "debacle" di Rio

Le speranze della Spagna di alzare al cielo il trofeo mondiale della 250cc hanno subito un duro colpo dopo il disastroso fine settimana della coppia del Repsol Telefónica Movistar team. Toni Elias e Fonsi Nieto non hanno infatti portato a casa un solo punto, il primo cadendo all'ultimo giro, il secondo a causa di un problema meccanico, mentre il capoclassifica, Manuel Poggiali, ha addirittura vinto. I due spagnoli tuttavia si dichiarano convinti che il mondiale sia ancora aperto.

`Fino a sabato il fine settimana è stato perfetto, poi, il finale, un boccone amarissimo,´ ha detto Elias che ha provato a finire la gara ma non ha raccolto nessun punto chiudendo ultimo. `Il mondiale adesso è diventato più difficile per noi, ma ci sono ancora quattro gare e cento punti in palio. Il mio obiettivo era di ridurre lo svantaggio da Poggiali, ma è accaduto l'opposto. Ho cercato di andar via e non ci sono riuscito, abbiamo lottato in ogni giro della gara e alla fine è andata male a me. Nell'ultimo giro ho frenato tardi in una zona molto sconnessa della pista e sono volato a terra. Capita, in gara. Questa volta ho sbagliato io ma cercherò di fare il possibile per colmare di nuovo la differenza. Volevo vincere ma le cose non sono andate bene, a Motegi continuerò ad impegnarmi al massimo e cercherò di recuperare i punti perduti´.

Quando Elias è tornato al box Nieto aveva già fatto la doccia e si era cambiato: la sua gara infatti è durata appena tre giri. `Abbiamo avuto porblemi di messa a punto per tutto il fine settimana,´ ha spiegato il pilota spagnolo. `Nel warm up ho provato l'altra moto ma non mi piaceva granché quindi per la gara ho scelto quella con cui avevo girato in prova, che andava meglio, più veloce. La partenza è andata bene, ero dietro a Porto e a Rolfo e li seguivo tranquillamente. Appena ho tentato di superarli per andare a prendere Poggiali e Toni il motore semplicemente si è fermato. E' stato un peccato perché nonostante tutti i problemi che avevamo avuto, un buon risultato era alla mia portata. A volte va così, ma ci sono quattro gare da fare ancora, nulla è perduto´.

Nonostante il loro ottimismo il mondiale si presenta arduo sia per Elias sia per Nieto, che sono staccati rispettivamente di 39 e 47 punti da Poggiali, con 100 punti ancora disponibili.

Tags:
250cc, 2003, Pablo Nieto

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›