Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Poggiali conserva un certo vantaggio mentre la sfida iridata si sposta a Motegi

Poggiali conserva un certo vantaggio mentre la sfida iridata si sposta a Motegi

Poggiali conserva un certo vantaggio mentre la sfida iridata si sposta a Motegi

Dopo sei gare vinte da sei piloti diversi, il mondiale della 250cc si appresta ad offrire l'ennesima sfida agguerritissima anche se la situazione del mondiale comincia a delinearsi con una certa chiarezza.

Manuel Poggiali ha reso più salda la sua presa sulla categoria con la vittoria dell'ultimo GP, a Rio, che ha aperto un gap di 22 punti sul secondo. Si tratta del vantaggio più consistente sul secondo classificato che può vantare dai tempi della terza gara della stagione, a Jerez.

Toni Elias avrebbe potuto ridurlo, quel gap, portandolo ad appena nove punti se avesse battuto il sammarinese in Brasile ma, con la caduta nell'ultimo giro che ha rovesciato la situazione, si trova invece staccato di 39 lunghezze, e solo quarto in classifica dietro anche a Rolfo e De Puniet. Dopo aver perso il titolo della 125cc, sempre a favore di Poggiali, a causa di una caduta qui a Motegi nel 2001, Elias non ha certo bisogno di motivazioni extra per cercare di ripetere la fantastica prima vittoria nella quarto di litro ottenuta, sempre a Motegi, nel 2002.

De Puniet attualmente è quello che ha portato a casa più allori nel corso della stagione, con otto risultati nei primi tre, metà dei quali sono arrivati nelle ultime quattro gare. Il francese è in forma e a soli 28 punti da Poggiali. Rolfo dal canto suo si conferma impressionante sulla costanza avendo tagliato il traguardo nei primi dieci in 42 delle 44 gare disputate dall'inizio del 2001.

Ironicamente in questa gara una parte importante nella sfida iridata potrebbero giocarla piloti che non hanno alcuna chance di vincerla, le cinque wildcard giapponesi che cercano un po' di gloria nella loro quasi unica opportunità mondiale. Parliamo dei giovani piloti Honda Yuki Takahashi, che l'anno scorso qui fece terzo, o Hiroshi Aoyama, secondo nella prima gara dell'anno a Suzuka o ancora Takahashi, terzo sempre a Suzuka in aprile, ed infine Choujun Kameya, il cugino della wildcard più famosa del Giappone, il compianto Daijiro Kato.

Tags:
250cc, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›