Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Bayliss e Capirossi hanno partecipato alla parata della Ducati a Melbourne

Bayliss e Capirossi hanno partecipato alla parata della Ducati a Melbourne

Bayliss e Capirossi hanno partecipato alla parata della Ducati a Melbourne

La squadra Ducati prima di rimettersi all'opera per la gara di Phillip Island del prossimo fine settimana, ha partecipato alla celebrazione dell'azienda lungo le strade di Melbourne. In presenza di Loris Capirossi e di Troy Bayliss la parata delle Ducati MotoGP ha guidato una grande folla nel centro della città. Ha preso parte all'evento anche il sindaco John So.

"Tutti e due i nostri piloti sono ansiosi di correre a Phillip Island – e i tifosi locali sono dei veri appassionati ed intenditori del nostro sport," ha commentato il direttore sportivo del Ducati Marlboro Team, Livio Suppo. "E' un'ulteriore ragione per noi per avvicinarci alla penultima gara della stagione con uno spirito positivo. Troy non vede l'ora di correre di nuovo in Australia. Ha degli ottimi ricordi di questa pista, come d'altronde Loris, che vi ha vinto il mondiale nel 1990".

Troy Bayliss è uno dei piloti che più spera in un successo in questo GP. Estremamente popolare nel suo paese, il trentaquattrenne debuttante nella MotoGP occupa al momento una buona posizione in classifica generale e vari suoi risultati quest'anno hanno riempito i suoi tifosi di aspettativa per la gara di domenica. La pista d'altra parte è già stata teatro nel passato di alcune delle sue gare più importanti, quando correva nelle superbike. Bayliss "torna a casa" 18 mesi dopo la sua ultima apparizione a Phillip Island, ma questa volta in sella alla potente Desmosedici.

Phillip Island sarà una delle gare più impegnative per me," ha detto Bayliss. "Volevo tornare nella mia città natale per qualche giorno prima della gara ma c'era troppo da fare, ho dovuto dedicarmi ad una serie di incontri con la stampa e a parecchio lavoro di pubbliche relazioni. Di Phillip Island mi piace l'atmosfera e la pista perché le gare sono molto serrate. Inoltre è stato uno dei primi posti dove abbiamo provato la moto e le cose sono andate molto bene. Laggiù posso contare su molti amici e tifosi sicuri che tirerò fuori le unghie. Il mio obiettivo sarà il podio". Da parte sua Capirossi non vede l'ora di guidare la Ducati nella pista dove è diventato campione del mondo per la prima volta, a 17 anni: "Phillip Island mi piace moltissimo anche se è una pista difficile, soprattutto per le gomme," ha detto l'italiano. "Comunque durante i nostri test abbiamo fatto una simulazione di gara e le Michelin sono andate bene. Abbiamo anche trovato molte regolazioni diverse sia per il telaio sia per la ciclistica per ridurre lo slittamento delle gomme e penso che abbiamo lavorato bene. Questa è stata la nostra prima stagione e credo che dobbiamo essere soddisfatti di quello che abbiamo ottenuto. Il prossimo anno le cose dovrebbero andare ancora meglio perché abbiamo una valanga di dati, su tutte le piste, su cui lavorare". La Ducati è attualmente in seconda posizione nella classifica dei Costruttori e un podio è esattamente quello che le servirebbe per consolidare il risultato di quella che è stata davvero un'ottima stagione d'esordio.

Tags:
MotoGP, 2003, Loris Capirossi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›