Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La MotoGP di dirige a sud per il Gran Premio SKYY VODKA d´Australia

La MotoGP di dirige a sud per il Gran Premio SKYY VODKA d´Australia

La MotoGP di dirige a sud per il Gran Premio SKYY VODKA d´Australia

Dopo due gare di seguito in Asia, questa settimana il motomondiale torna nell'emisfero sud per il gran premio SKYY VODKA d'Australia. Con Valentino Rossi e Dani Pedrosa incoronati rispettivamente campione del mondo della MotoGP e della 125cc in Malesia lo scorso fine settimana, resta da assegnare il terzo titolo, quello della 250cc. Manuel Poggiali guida la classifica con 25 punti su Toni Elias e Roberto Rolfo. Basta che Poggiali aumenti il suo vantaggio di una sola lunghezza per assicurarsi matematicamente l'iride. Il sammarinese però dovrà fare i conti con il pilota più in forma del momento, Elias, che ha fatto la pole nelle ultime quattro gare vincendone poi tre.

Per Rossi la pressione si potrebbe dire evaporata, dato che affronterà le prossime due gare con il titolo già in tasca. Per l'italiano tuttavia resta ancora la possibilità di eguagliare il record di 22 podi consecutivi del leggendario Giacomo Agostini e di superare Eddie Lawson nella classifica delle vittorie nella classe regina. Il suo record di 31 vittorie lo ha già infatti portato a pari merito con Lawson e davanti a lui restano solo Agostini, Mike Hailwood e Mick Doohan.

La battaglia per la seconda posizione nel mondiale è ancora aperta ma nettamente a favore di Sete Gibernau che può diventare il secondo classificato con il maggior numero di punti nella storia della classe regina. Lo spagnolo attualmente ne ha 244, 29 in più del terzo classificato, Max Biaggi, e deve ottenerne solo altri due per superare il record del connazionale Alex Criville (245) che nel 1996 arrivò secondo alle spalle di Doohan. Per Biaggi c'è in palio il traguardo di 100 podi nella classe regina avendo raggiunto quota 98 con il terzo posto di Sepang.

Anche se in un modo o nell'altro le tre prime posizioni nel mondiale sono decise, resta in palio l'orgoglio di fare delle belle gare per il resto del gruppo, e saranno in tanti a caccia di gloria nel circuito che negli ultimi anni ha dato vita ad alcuni dei più bei gran premi della storia. L'australiano Troy Bayliss torna a casa al termine di una stagione che si è fatta via via più complicata ed è determinato a togliersi delle belle soddisfazioni davanti al suo pubblico, che lo sostiene con grande passione. Dopo i podi di Jerez, Brno e del Sachsenring, Bayliss ha perso il contatto con il gruppo dei primi ma qui a Phillip Island cercherà di ripetere i successi ottenuti in Superbike. L'anno scosto infatti vinse entrambe le gare e nello scorso inverno ha disputato degli ottimi test in sella alla sua Desmosedici.

Se Bayliss è stata la rivelazione della prima metà della stagione, il debuttante che ha impressionato il mondo della MotoGP nella seconda metà è stato Nicky Hayden, che nelle ultime gare è stato battuto nei punti raccolti solo da Rossi, Gibernau e Biaggi. Il ventiduenne americano è arrivato in Australia questa mattina insieme al folto gruppo di piloti, squadre e rappresentanti della MotoGP che si sono messi in viaggio dalla Malesia dopo la gara e ha avuto l'opportunità di guardarsi un po' attorno prima di andare a Phillip Island. Hayden infatti si è unito a Dani Pedrosa e a Sebastian Porto per una visita allo zoo di Melbourne dove ha posato vicino ai tipici rappresentanti della fauna locale, canguri, koala e wombat.

Tags:
MotoGP, 2003, SKYY VODKA Australian Grand Prix

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›