Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La MotoGP è sbarcata di nuovo in Europa per l'ultima gara del 2003

La MotoGP è sbarcata di nuovo in Europa per l'ultima gara del 2003

La MotoGP è sbarcata di nuovo in Europa per l'ultima gara del 2003

Dopo tre gare consecutive con la valigia appresso e una serie di container come ufficio, i motorhome, le hospitality, le tende e i camion officina si sono riappropriati del paddock. La MotoGP è infatti tornata in Europa dove questo pomeriggio è stata accolta dal tiepido sole autunnale che illuminava il Ricardo Tormo di Valencia. L'unica cosa che non è cambiata per nulla rispetto alle ultime tre gare è la ridda di voci e chiacchiere sul prossimo futuro del campione del mondo della MotoGP, Valentino Rossi, che oggi comunque ha lasciato intendere che domenica ogni cosa potrebbe venire chiarita. Pare infatti che dopo la gara verrà annunciata la sua decisione.

I piloti della MotoGP e della 125cc, il cui titolo è già stato assegnato questo fine settimana, potranno godersi la gara senza la pressione del mondilae. Non sarà così invece per i due sfidanti della 250cc che si troveranno davanti alla gara della vita, o quantomeno ad una delle più importanti della loro carriera. Manuel Poggiali e Roberto Rolfo sono separati da soli sette punti e domenica prossima il titolo verrà assegnanto ad uno dei due.

Si tratta di una situazione che l'ex campione del mondo Max Biaggi conosce bene dato che ha vinto tre dei suoi quattro titoli proprio all'ultima gara. "Ricordo bene l'adrenalina a mille," ha ricordato oggi l'italiano. "Quello che posso dire a Manuel e a Roby è di guidare come hanno fatto per tutta la stagione. Ad essere onesto non credo che abbiano bisogno dei miei consigli – sono sicuro che ognuno di loro ha ben chiaro in mente cosa fare".

Poggiali, arrivato in circuito leggermente influenzato, ha detto di essere assolutamente calmo nonostante la pressione che ha sopportato per tutta la stagione come leader della classifica. "Mi sento molto tranquillo," ha detto il ventenne di San Marino. "Ho sette punti di vantaggio, che non sono molti ma che sono comunque importanti. Correrò come sempre, facendo del mio meglio, ed alla fine tireremo le somme. Da domenica scorsa soffro di un po' di influenza ma mi sento già meglio e sono certo che con l'aiuto della clinica mobile per la gara sarò a posto".

La pioggia prevista da alcuni potrebbe essere l'asso nella manica per Roby Rolfo che due settimane fa ha vinto sotto il diluvio di Phillip Island. L'italiano comunque ha detto di essere fiducioso a prescindere dalle condizioni climatiche ed ha aggiunto che offrire un bello spettacolo ai 120.000 spettatori attesi per domenica sarà più importante di qualsiasi risultato. "Spero solo che il fine settimana sia bello per tutti e che lo sia anche lo spettacolo," ha detto l'italiano, l'unico della classe ad essere andato a punti in tutte le gare dell'anno. "Qualsiasi cosa accada penso che il mio campionato sia stato molto buono e che finalmente ho capito la mia moto. Questa è una pista lenta, che dovrebbe favorire la mia Honda, quindi darò il 100% come sempre e cercherò di divertirmi".

Uno spettatore attento dalla pit lane sarà di sicuro l'ex re della quarto di litro Valentino Rossi, anche se forse l'italiano avrà altre cose per la mente, inclusa la sua lungamente attesa decisione sul suo futuro. "Domani arriverà l'uomo della Honda, e prima di fare un annuncio parlerò con lui," ha rivelato Rossi, decisamente quotato in procinto di approdare in Yamaha. "Non penso che sarebbe corretto dire alcunché prima della fine quindi aspetteremo fin dopo la gara".

Volgendo quindi la sua attenzione all'imminente GP, Rossi ha aggiunto:"Quella di Valencia non è la mia pista preferita – va bene per il pubblico, non per i piloti. E' stretta e corta, con la maggioranza di curve a sinistra. Ci sono molte frenate violente e pochi punti dove conta l'accelerazione quindi superare è difficile. In ogni caso cercherò di divertirmi e, naturalmente, di vincere".

La risposta alla questione della firma di Rossi non è stata l'oggetto del desiderio del solo paddock, ma anche del pubblico che si è riversato attraverso i cancelli del circuito per approfittare dell'occasione del Day of Champions organizzato dalla Dorna per avvicinare i propri idoli. Centinaia di appassionati si sono divertiti ad ammirare una gara di scooter e un'esibizione di piloti acrobatici e hanno potuto visitare la pit lane e partecipare ad una grande asta benefica.

Tags:
MotoGP, 2003, Gran Premio Marlboro de la Comunitat Valenciana

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›