Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Suzuki e la Yamaha hanno finito i test a Sepang

La Suzuki e la Yamaha hanno finito i test a Sepang

La Suzuki e la Yamaha hanno finito i test a Sepang

Le squadre di Suzuki e Yamaha domenica scorsa hanno finito una sessione di tre giorni di test a Sepang, in Malesia, entrambe con risultati soddisfacenti. Per la Suzuki le prove sono state molto importanti perché erano le prime con le gomme Bridgestone, mentre per la Yamaha sono state proficue per continuare lo studio del nuovo telaio Deltabox, usato per la prima volta durante il fine settimana della gara di Valencia.

John Hopkins, che in assenza del suo compagno di squadra Kenny Roberts, è stato affiancato dal collaudatore Kosuko Akioshi, ha avuto parole di apprezzamento per le performance e l'affidabilità delle gomme, ed ha girato meglio di quanto avesse fatto Roberts nel suo miglior giro del GP dell'ottobre scorso, mentre lui scontava una gara di squalifica.

"Non sapevo cosa aspettarmi," ha detto Hopkins che ha usato la GSV-R in versione 2003 mentre in Giappone il reparto corse è impegnato su quella nuova. "Quindi sono rimasto piacevolmente impressionato da come si comportano le gomme. E' un bel modo di cominciare il periodo di stop invernale, dopo i naturali dubbi che comportava un cambiamento simile. Invece sono rimasto impressionato sin dai primi giri. Le gomme sono fondamentali nel nostro sport e devo ammettere di aver provato un po' di ansia non sapendo cosa aspettarmi. Di primo acchito mi sono reso conto che l'aderenza era buona e, quando ho cominciato a fare più giri di seguito, è risultato che anche l'affidabilità c'era. Alla fine ho girato bene, con ottimi tempi. Sarà decisamente interessante lavorare con questi ragazzi".

Nel frattempo Carlos Checa continuava le prove comparative tra il telaio in versione 2003 e quello nuovo, continuando nel contempo a provare diverse nuove Michelin anteriori. Lo spagnolo era affiancato da Norick Abe e da Norihiko Fujiwara, a loro volta impegnati nelle prove di gomme e sul nuovo sistema di iniezione della Magneti Marelli.

"Sono abbastanza stanco", ha detto Checa dopo aver percorso 60 giri nella sola giornata conclusiva. "Ieri è andata meglio di venerdì, ed oggi la giornata è stata ancora più fruttuosa. Ho provato le nuove gomme anteriori con i due telai. Sono soddisfatto del lavoro fatto perché ho potuto fornire molte informazioni preziose ai tecnici sui punti a favore e a sfavore della combinazione tra gomme e ciascuno dei due telai. Il mio miglior tempo non è male ma devo dire che mi sono concentrato più a raccogliere dati che a cercare il record".

"Penso che dobbiamo ancora migliorare entrambi i telai e anche il motore ma che abbiamo un buon punto di partenza per i test del prossimo gennaio. D'ora in avanti ci concentreremo sul telaio nuovo. Il prossimo anno non sarà facile e non si sa mai quanto stiano migliorando gli avversari. In ogni caso, abbiamo una base da cui partire. La prossima settimana andrò in Italia per lavorare sulla mia tuta con Alpinestars e per il Supermotard al Motorshow di Bologna. Dopo andrò a casa, in Inghilterra, per poi tornare in Spagna dalla mia famiglia a Natale. Infine, andrò a sciare in Francia o in Italia. Devo rilassarmi un po' prima della prossima stagione!

Il team manager Davide Brivio era contento dei risultati dei test. "Carlos ha lavorato molto e siamo contenti dei progressi fatti," ha detto Brivio che nei prossimi test della squadra, il 24/25/26 gennaio sempre a Sepang, potrà contare su anche su Valentino Rossi. "Ha fatto delle prove di durata con le nuove Michelin ed è stato in grado di girare con tempi vicini al suo passo di gara. Abe e Fujiwara hanno aiutato molto con le gomme e con il nuovo sistema di iniezione della Magneti Marelli. Tutto considerato, abbiamo trovato un buon punto di partenza per il 2004".

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›