Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Sete Gibernau è stato molto veloce nell'ultimo test e appare già in forma per il 2004

Sete Gibernau è stato molto veloce nell'ultimo test e appare già in forma per il 2004

Sete Gibernau è stato molto veloce nell'ultimo test e appare già in forma per il 2004

La stagione 2003 di Sete Gibernau ha costituito una svolta nella sua carriera. Ora che Valentino Rossi è passato in Yamaha, Gibernau è diventato il pupillo della Honda che potrà schierare un gruppo molto forte anche con Max Biaggi (che molti indicano come favorito per il titolo) Nicky Hayden e Colin Edwards, con ancora un posto vacante nella squadra Repsol accanto al giovane americano.

Combinando il fatto di essere il vice campione del mondo con la costante competitività dimostrata quest'anno con la RC211V, Gibernau si propone naturalmente come il pilota favorito dalla Honda nel 2004, anche se con l'usuale modestia lo spagnolo respinge l'idea di poter e addirittura di voler avere un trattamento preferenziale.

"Durante la stagione non ho mai chiesto nulla più di quel che avevo," ha commentato con un sorriso. "la Honda è sempre stata corretta con me. Mi hanno detto all'inizio cosa avrei avuto durante l'anno e così è stato, puntualmente. Adesso che Valentino se n'è andato, tutti stanno cercando di capire cosa succederà. Se aveva un trattamento migliore era perché lo meritava in quanto campione del mondo. Sono fiducioso che Honda ci darà le cose di cui abbiamo bisogno. So che metteranno a disposizione sei moto tutte uguali, come hanno fatto durante l'ultimo test. Personalmente desidero solo che sappiano che ci sono certe aree della moto su cui vorrei lavorare e che ne tengano conto per la moto del 2004. Ciò che abbiamo fatto durante queste ultime prove a Valencia dovrebbe aiutarci a proseguire nella direzione che desideriamo per quanto riguarda lo sviluppo".
"Penso che la moto che ho guidato adesso a Valencia fosse più o meno simile a quella che aveva Valentino a fine stagione. A volte si tratta solo di avere le carte giuste in mano e di saperle giocare al momento giusto. La Honda ci ha aiutato molto ad avere queste carte ed io ne sono felice".

Qualunque fosse la moto che ha guidato Gibernau nell'ultimo test, il trentunenne si è detto incoraggiato dei progressi ottenuti, girando sempre tra i primi tre nei due giorni in cui il bel tempo lo ha permesso. Come molti altri ha provato le relativamente nuove anteriori da 16,5" della Michelin.

"Siamo andati bene sia con le gomme da 17" sia con quelle da 16.5" ed abbiamo fatto sempre dei tempi buoni, cosa non facile quando si passa da un set up all'altro," ha detto. "Bisogna cambiare completamente stile di guida con una gomma rispetto all'altra e farlo, mantenendo comunque un passo veloce, significa che hai fatto un buon lavoro. Sia la Honda sia la Michelin ci hanno supportato ottimamente in questi giorni e ciò dimostra perché le gomme di quest'ultimi siano le migliori. Il fatto è che il loro lavoro è proficuo ed estremamente professionale".

Da questo punto di vista penso di aver raccolto un buon numero di dati per poter cominciare a migliorare le aree che mi interessano. La cosa più importante era sapere se potevamo cominciare a lavorare nella direzione offerta dalle gomme da 16.5 e penso che adesso abbiamo le idee abbastanza chiare su questo punto. Io mi sono fatto un'opinione su quale sia la gomma da preferire ma forse è un po' presto per dirlo! I dati raccolti sono molto interessanti: ci sono vantaggi da entrambe le parti ed ora si tratta di decidere cosa sia meglio per l'intero pacchetto".

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›