Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Neil Hodgson racconta una settimana epica

Neil Hodgson racconta una settimana epica

Neil Hodgson racconta una settimana epica

Il campione della Superbike Neil Hodgson ha raccontato a motograndprix.com le sue impressioni al termine di una settimana in cui ha debuttato sulla Desmosedici a Valencia ed è stato selezionato per il prestigioso premio Sport Personality della BBC.

"A Valencia ho provato per la prima volta la Ducati ma il tempo non era granché. Abbiamo avuto qualche problema derivato dal fatto che la moto e la squadra sono completamente nuovi. La moto mi da un feeling diverso. Come per ogni altro pilota il feeling con la moto è tutto quindi, anche se non è come se fossi salito su una Formula 1, ci vuole un po' per abituarsi".

Ho preso le cose con calma perché non voglio fare un errore. E' quasi come imparare a guidare di nuovo. Sto cercando di capire la moto e quello che è in grado di fare. Mi ha aiutato il fatto che il primo test sia stato a Valencia; se non avessi conosciuto la pista le cose sarebbero state molto più difficili. Mi sembra di aver fatto qualche milione di giri a Valencia quindi so come si dovrebbe comportare la moto lì".

La messa a punto di base è completamente diversa. Con la Superbike stai seduto "sulla" moto che si muove un po' di più ma ti da parecchia fiducia. Con questa moto sono come appeso e non la "sento" bene dopo appena due giorni. Il primo giorno non ho fatto alcuna modifica, limitandomi a girare. Le cose sono migliorate un po' quando abbiamo cominciato a lavorare sulle sospensioni".

Ovviamente la Desmosedici è molto più potente ma la grossa differenza l'ho sentita quando ho dovuto tenere il piede sul freno posteriore per non farla impennare; probabilmente spreco una cinquantina di cavalli! Sto trattando la moto con molto "rispetto" facendo amicizia poco a poco.
E' diversa anche in entrata di curva mentre in uscita è simile. Con la Superbike sapevo dov'era il limite in entrata di curva mentre con questa lo sto ancora cercando di trovarlo, o almeno di avvicinarmi.

La nuova squadra è "mega" e tutti parlano inglese, cosa che mi aiuta ad ambientarmi. Può sembrare difficile ingranare in un gruppo di persone che si incontra la prima volta e invece tutti fanno il proprio e l'atmosfera nel box è eccellente.

Questo è stato probabilmente uno dei test migliori che abbia mai fatto perché ogni volta che andavo in pista ricominciavo da dove avevo lasciato. Riuscivo a fare un tempo, tornavo dentro a modificare qualcosa e la volta successiva ero un po' più veloce. Ho cominciato lentamente e non ho ancora un passo veloce ma sono felice, un passo alla volta va bene per ora. Questo è l'inizio di un lungo processo per tentare di capire cosa serve per essere competitivo a questo livello e le ultime settimane sono state frustranti perché volevo cominciare a lavorare. Al momento sono circa… al 3% ed ho bisogno di arrivare al 100%.

Vincere il mondiale Superbike è stato importante per me ma so che questo è un livello superiore; se vinci qui sai di essere il migliore".

Per quanto riguarda il premio della BBC solo essere nominati è una gran cosa perché a confronto con il football, il rugby ed il cricket, il motociclismo è uno sport minore. Sapevo di non avere la possibilità di vincerlo ma è stato fantastico per il nostro sport essere selezionato per la finale ed apparire nello show".

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›