Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Livio Suppo, boss Ducati, sui test di Valencia, Rossi e i programmi invernali

Livio Suppo, boss Ducati, sui test di Valencia, Rossi e i programmi invernali

Livio Suppo, boss Ducati, sui test di Valencia, Rossi e i programmi invernali

Il primo anno mondiale della Ducati, intenso e di grande successo, si è chiuso la scorsa settimana con i test di Valencia dove Troy Bayliss e Loris Capirossi, affiancati dal collaudatore Vittorio Guareschi, hanno valutato le ultime innovazioni del 2003. motograndprix.com ha parlato con Livio Suppo per conoscere le ultime novità della squadra.

"Stiamo provando un mix tra la moto di quest'anno e quella del prossimo. Troy e Loris stanno usando soprattutto le specifiche del 2003 con qualche aggiornamento," ha spiegato. "Siamo molto contenti di quello che abbiamo fatto in questa prima stagione. Adesso, e per il futuro, stiamo lavorando sull'intero pacchetto della moto. Pensiamo di non aver trascurato nulla per quanto riguarda motore, telaio e sospensioni. A Valencia abbiamo cercato di trovare un buon bilanciamento per guadagnare qualche decimo. Se le parti che ha provato Vitto si riveleranno valide, proseguiremo lo sviluppo con Troy e Loris".

Riguardo le anteriori da 16,5 che diverse squadre stanno valutando attentamente, Suppo conferma che anche per la messa a punto della Ducati potrebbero essere un fattore importante.

"Stiamo lavorando molto con le gomme da 16.5, come gli altri del resto," ha ammesso. "La Michelin sembra pensare che sia la direzione giusta per il futuro e Loris a Valencia le ha usate molto. Dato che le gomme sono estremamente importanti, probabilmente ci lavoreremo su parecchio, anche perché, come sempre a questo punto della stagione, tutti stanno cercano di trovare quale pneumatico sia più performante".

La Ducati è stata una delle case più nominate nel tormentone Rossi di quest'estate ma Suppo rapidamente esclude che i negoziati coinvolgessero la Casa italiana.

"Le voci su Valentino sono state un'ottima pubblicità per la squadra! Ma Loris e Troy erano destinati ad essere ancora i nostri piloti, non c'è mai stato alcun dubbio su questo. Volevamo un pilota del mondiale esperto e siamo più che soddisfatti di Loris. Inoltre nei nostri programmi c'era un pilota della Superbike e quello è stato Troy, che già era della Ducati. L'accoppiata si è rivelata azzeccata. Abbiamo l'opportunità concreta di fare molto bene il prossimo anno anche se sarà dura, dato che ci saranno più piloti in lizza per la vittoria. Io sono fiducioso e mi aspetto che Troy e Loris siano tra loro".
Se sulla Honda non ci fosse stato Valentino, nel nostro primo anno avremmo colto tre successi perché Loris, oltre alla vittoria di Barcellona, è arrivato secondo due volte. Sappiamo che, visto che Rossi ha cambiato moto, il campionato sarà più equilibrato, più livellato. La Honda ha sei piloti schierati e, conoscendo la bontà della moto, pensiamo che saranno loro i nostri principali avversari.

Il team Ducati per ora si appresta a festeggiare il Natale ma, all'inizio di gennaio, in Italia si ricomincerà a lavorare per i test in programma poche settimane più tardi.

"A metà febbraio a Sepang ci sarà il primo test importante con le moto del 2004," ha concluso Suppo, "Poi nello stesso mese andremo a Phillip Island e infine a Valencia, per i test IRTA".

Tags:
MotoGP, 2003, Valentino Rossi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›