Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Ruben Xaus commenta il suo primo test in MotoGP

Ruben Xaus commenta il suo primo test in MotoGP

Ruben Xaus commenta il suo primo test in MotoGP

Lo spettacolare stile di guida di Ruben Xaus negli ultimi anni in Superbike si è tradotto in tante cadute quanti trofei. Il venticinquenne tuttavia nel 2003 si è imposto come lo spagnolo più in forma al di fuori della MotoGP, guadagnandosi la qualifica di vice campione della serie alle spalle del suo attuale compagno di squadra nel team D'Antin Ducati. Pochi giorni fa l'ex pilota della SBK ha affrontato il suo primo test in sella alla Desmosedici.

"Ho sempre fatto parte della famiglia Ducati ed avevo già fatto dei test accanto a questi ragazzi, ma adesso, far parte del loro gruppo è fantastico," ha commentato il catalano. "A Valencia quando sono stato passato da Biaggi mi sono reso conto che è tutto vero! L'ho sempre visto in TV ma dividere la pista con lui è stato un momento speciale."

"Sono molto soddisfatto della moto e della squadra. Il punto più difficile è imparare le piste con una moto diversa e questa di Valencia in particolare è impegnativa per un primo test. Tuttavia fa parte del calendario del mondiale quindi va affrontata".

Naturalmente uno degli interrogativi maggiori che riguardano i nuovi venuti dalla Superbike è quanto siano diverse le Ducati delle rispettive serie. Xaus sembra avere la risposta pronta e l'entusiasmo a questo stadio è difficile da contenere.

"Molte cose sono diverse ma ha sempre due ruote e alla fine della giornata l'obiettivo è sempre quello di andare più veloce possibile! Questa moto è nata da quella della Superbike e la posizione di guida e il carattere sono simili. È parecchio pesante davanti e tende sempre ad allargare in curva ma ha anche molta potenza, che ti permette di fare ciò che vuoi".

"La frenata è più impegnativa perché bisogna assimilare le reazioni dei freni in carbonio. A Valencia per me è dura perché vi ho fatto così tante prove con la 999 che ho in testa tutti i riferimenti adatti a quella moto, e mi vengono in automatico, quindi continuo a mancare i punti di frenata! Per il resto la guida è simile. Il rumore e l'erogazione della potenza sono diversi ma alla fine di tratta di una Ducati e le Ducati sono moto divertenti da guidare!".

Xaus con grande onestà conferma che questo passaggio costituisce una grande occasione per la sua carriera. "So che mi è stata offerta una grande opportunità. La squadra non sarà la più grande del paddock ma le moto sono valide e la gente che ci lavora ha un gran cuore e una grande esperienza. Sono davvero molto motivato e felice, nel team stiamo cominciando tutti allo stesso livello nessuno si pone su un piano di superiorità".

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›