Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Honda chiude i test ma a Sepang il lavoro non si ferma

La Honda chiude i test ma a Sepang il lavoro non si ferma

La Honda chiude i test ma a Sepang il lavoro non si ferma

La Honda oggi ha chiuso la sua prima sessione di prove sul circuito malese di Sepang ma la Kawasaki e la Suzuki domani proveranno ancora prima di lasciare la pista alla Yamaha, sabato. La temperatura oggi era leggermente più fresca, se si può usare questo termine riferendosi comunque ai 32° dell'aria, e un leggero venticello ha portato un po' di sollievo a chi lavorava sotto il sole. Diversi sono stati gli incidenti mentre tutti i piloti erano tesi a spremere il meglio dalle loro moto per l'affondo finale dei test.

Il più drammatico, seppur fortunatamente senza alcuna conseguenza, è stato senz'altro quello di Tamada la cui gomma posteriore è esplosa in pieno rettilineo a gas spalancato. Il giapponese è stato bravo e fortunato a rimanere in sella riuscendo a fare addirittura la prima curva senza cadere. Successivamente non ha voluto commentare l'accaduto ma appariva chiaramente sollevato dallo scampato pericolo ed è persino riuscito a scherzarne con la stampa.

L'incidente ha comunque chiuso anticipatamente le sue prove. Problemi tecnici anche per Sete Gibernau che a sua volta ha rischiato di dover fare i bagagli con largo anticipo quando, uscito dai box con un motore nuovo, dopo qualche tornata è rimasto a piedi. In seguito è filtrata la notizia della rottura del motore che ha dovuto essere sostituito con quello del giorno prima, con il quale tuttavia lo spagnolo è riuscito a stampare un gran bel tempo.

Il suo 2'02.7 è stato appena più lento di quello di Biaggi nonostante il motore vecchio e un set up adatto alla prova di durata effettuata con le gomme Michelin. Gibernau ha lasciato la pista molto contento, al contrario del suo compagno di squadra, Colin Edwards che nel pomeriggio ha percorso solo quattro giri che ha commentato con un laconico "Non ci stavo proprio". L'incertezza sulla scelta della gomma anteriore e un serio problema di vibrazione della frizione sono stati all'origine delle difficoltà dell'americano.

Gli altri piloti della Casa dell'ala dorata si sono detti invece soddisfatti, Biaggi con il miglior tempo e Tohru Ukawa più veloce di 15-20 secondi del suo tempo di gara dell'ottobre scorso in una simulazione di 21 giri. Anche Nicky Hayden ha fatto progressi grazie alle nuove parti che ha ricevuto dalla Honda per queste prove.

Oggi doveva essere una giornata di riposo per la Suzuki ma la squadra ha deciso che era meglio passarla in pista e, anche se Roberts e Hopkins non hanno girato molto, tutti sono rimasti fino a tardi. "Non siamo stati capaci di risolvere un problema elettrico alla frizione, che dura fin dal nostro arrivo qui," ha spiegato Hopkins. "Non possiamo provare praticamente nulla finché non lo risolviamo. Lo avevamo anche durante le prove fatte prima di Natale e questo blocca tutta la serie successiva di test che abbiamo in programma. Penso che sia difficile isolare il problema perché la moto fa un grande utilizzo dell'elettronica".

L'occasione ha permesso anche al campione AMA Superbike Mat Mladin, a Sepang con il team Yoshimura Suzuki, di fare qualche giro con GSV-R, dopo una chiacchierata con Roberts. Con quest'ultimo si è visto girare Erv Kanemoto che, sebbene affermi di essere stato ai box Suzuki in qualità di semplice ospite, ha sollevato la curiosità della stampa presente, avvalorata dal fatto che Roberts è in cerca di un sostituto per il suo ex capo meccanico Bob Toomey

Anche la Kawasaki domani ha in programma un ultimo giorno di test ma l'aria che si respira nei box è già carica di soddisfazione per i risultati ottenuti, soprattutto per il lavoro di Nakano. Nella porta accanto, in casa Moriwaki, Pitt ha fatto un bel passo in avanti, superando la delusione per i riscontri poco soddisfacenti di ieri.

Tags:
MotoGP, 2003

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›