Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Alex Barros e il suo primo test con la Honda

Alex Barros e il suo primo test con la Honda

Alex Barros e il suo primo test con la Honda

Il veterano della MotoGP Alex Barros ha esordito sulla Honda nei test di Sepang, che definire affollati è poco, un anno e tre mesi dopo averla lasciata per la Yamaha. Dopo mesi di speculazioni della stampa, di problemi di contratto, e di forzato riposo per riprendersi dall'infortunio alla spalla, il brasiliano è tornato finalmente in pista ammettendo tutta la sua gioia nel ritrovare la V5 con la quale alla fine del 2002 aveva vinto due gare su quattro.

"Ieri notte ero così emozionato da non riuscire a dormire," ha detto felice il trentatreenne che oggi ha girato in 2'05.980 – distantino dal 2'02.693 del compagno di marca Max Biaggi. Tuttavia, come afferma lo stesso Barros, l'obiettivo dei test non ha nulla a che vedere con i tempi sul giro.

"Il mio goal è tornare al 100% della forma per la prima gara, in aprile. Adesso sono ancora in ripresa e non certo in piena forma. Oggi è andata bene anche perché continuavo a ripetermi di non fare sciocchezze. C'erano parecchi dirigenti Honda qui e tutti mi hanno detto di andarci piano. Non guidavo da tre mesi, ho bisogno di fare un gran bel riscaldamento".

Barros ha aggiunto che la RC211V ha fatto un notevole progresso da quando l'ha guidata l'ultima volta, 16 mesi fa. "Tutte le sensazioni che mi da la moto, rispetto ai miei punti di riferimento, sono completamente diverse. Anche se ho guidato la RC211V nel 2002 non posso fare un vero paragone, tutto il pacchetto è migliorato. La potenza, l'aderenza, la guidabilità. Tutto è un po' meglio".

Nonostante la giornata non esattamente brillante, Barros afferma di aspettarsi un futuro di successo nella squadra che ha vinto il mondiale nelle ultime due stagioni. "Ho un ottimo feeling per quest'anno – ho guidato la Honda per otto anni, questo è il nono ma il primo nella squadra numero uno. Sto lavorando con persone che conosco da molto tempo ma dobbiamo far crescere questa nuova squadra se vogliamo avere un pacchetto davvero forte. Non accadrà in una notte ma sono sicuro che stiamo già mettendo le fondamenta per il futuro".

Tags:
MotoGP, 2003, Alex Barros

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›